Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Se muoio non piangete per me

· Il beato padre Jerzy Popiełuszko nel racconto dell’anziana madre Marianna ·

Marianna ha gli occhi stanchi:  dei suoi 92 anni;  degli oltre  70 anni di duro lavoro in campagna e in casa.  E  delle lacrime versate per i suoi morti: durante la seconda guerra mondiale i russi uccisero  il più piccolo dei suoi fratelli; nel 1953 morì tra le sue braccia la figlioletta Edvige di due anni; nel 1984 i servizi segreti del regime comunista polacco fecero morire suo figlio sacerdote. Negli occhi di questa donna minuta e apparentemente fragile,  non c’è però  disperazione. Questa semplice contadina ha vissuto come se avesse preso per motto  una filastrocca imparata dall’infanzia: «Amare la gente, amare Dio: ecco la strada dritta per il paradiso. Ama con il cuore e con le opere: sarai con gli angeli nel paradiso». Per incontrare questa anziana donna, la madre del beato padre Jerzy Popiełuszko, bisogna andare in un remoto angolo della Polonia, vicino alla frontiera con la Lituania, a circa 200 chilometri da Varsavia. Marianna Gniedziejko — questo  il suo cognome da nubile — è nata lì, nel  1920, a Grodzisko, un piccolo villaggio della sconfinata pianura del centro dell’Europa. Nelle parole di questa donna il ricordo della vita del figlio, la sua vocazione, l'ordinazione sacerdotale, le messe per la Patria, i rapporti con  Solidarność, il Papa polacco, la persecuzione dei servizi segreti comunisti. E il ricordo dell'ultima volta che vide il figlio. «È stato nel mese di settembre del 1984. È venuto a casa senza preavviso. Non parlava di se stesso, ma sapevo che lo seguivano: anche dalle finestre della nostra casa abbiamo potuto vedere le auto con gli agenti. Ma lui era coraggioso, anche se fisicamente debole. Mi ha lasciato la sua tonaca da rammendare dicendo: “La prenderò la prossima volta. Se no, avrai un ricordo di me”. Invece salutandoci disse: “Mi raccomando: se muoio, non piangete per me”».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE