Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Se l’egualitarismo minaccia la differenza

· Il metropolita ortodosso Joseph sul progetto francese del «matrimonio per tutti» ·

Il disegno di legge che in Francia estende il matrimonio civile alle coppie formate da persone dello stesso sesso, dando loro anche la possibilità di adozione, «è animato da una lodevole intenzione, quella di prendere in considerazione e di discutere la condizione omosessuale», ma «ha conseguenze sociali e civili sterminate che non sono state sufficientemente considerate e commisurate alla loro vera portata strutturale». Conseguenze che in effetti «superano di molto la semplice intenzione ugualitaria di partenza costituita dalla lotta contro la discriminazione di cui sarebbero vittime le coppie omosessuali rispetto a quelle eterosessuali». La Chiesa ortodossa in Francia è tornata recentemente a ribadire la sua opposizione al cosiddetto mariage pour tous, contenuto nel progetto approvato circa un mese fa dal Consiglio dei ministri. In un’audizione all’Assemblea nazionale, dove sono stati ascoltati tutti i rappresentanti religiosi, il metropolita Joseph (Pop), parlando a nome dell’Assemblea dei vescovi ortodossi di Francia, ha sottolineato che il Governo, con il suo voler mettere tutti sullo stesso piano, in un medesimo “stampo” giuridico e sociale, «più che risolvere un problema ne apre degli altri e suscita purtroppo divisioni che rafforzano i contrasti e le frontiere preesistenti».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE