Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Scontro tra Israele e Iran alla conferenza di Monaco

· Netanyahu mostra un frammento di drone e attacca l’accordo sul nucleare ·

Duro attacco a Teheran, ieri alla conferenza di Monaco, da parte del premier israeliano, Benjamin Netanyahu. «Se necessario interverremo non solo contro gli alleati dell’Iran, ma anche contro l’Iran stesso» ha detto il primo ministro, ribadendo che «Teheran rappresenta la più grande minaccia per il mondo». Netanyahu ha anche mostrato un pezzo di un presunto drone iraniano abbattuto questo mese dopo un’incursione nello spazio aereo israeliano. E rivolgendosi al ministro degli esteri iraniano, Javad Zarif, ha detto: «Signor Zarif, lo riconosce? È vostro».

Netanyahu mostra il pezzo del presunto drone iraniano abbattuto in Israele (Ap)

Il premier israeliano ha denunciato la crescente minaccia militare iraniana in Siria, criticando il sostegno garantito agli Hezbollah in Libano e ai gruppi armati palestinesi nella striscia di Gaza. «Israele non consentirà al regime iraniano di stringere un cappio al nostro collo. Agiremo — ha avvertito — non solo contro i suoi agenti ma anche contro lo stesso Iran, se necessario».

Netanyahu ha poi lanciato un altro avvertimento al presidente siriano, Bashar Assad. Durante questi sette anni di conflitto in Siria, Israele si è astenuto dall’intervenire, fatta eccezione per alcuni raid aerei. Ma adesso, ha aggiunto Netanyahu, «Assad deve comprendere che invitando l’Iran a casa sua, di fatto ci sta sfidando». Non bisogna «mettere alla prova la determinazione di Israele».

Il leader del Likud ha poi parlato di nucleare, facendo un particolare riferimento all’accordo sul dossier iraniano. Secondo Netanyahu, quell’accordo è «pericoloso e inefficace» perché di fatto non impedirebbe lo sviluppo di un intero arsenale da parte di Teheran. La replica di Teheran alle accuse del premier israeliano non si è fatta attendere. Zarif ha definito Netanyahu «un fumettista da circo». Le sue parole — ha detto Zarif — «non meritano nemmeno una risposta».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE