Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Scongiurata in Europa
l’emergenza gas

· Accordo tra Ucraina, Russia e Ue ·

Scongiurata l’emergenza gas per il prossimo inverno non solo per l’Ucraina ma per l’intera Europa. L’accordo tra Kiev, Mosca e l’Ue è stato raggiunto ieri sera dopo due giorni di negoziati e garantirà la fornitura fino a marzo 2015 grazie a un’intesa che prevede parte del saldo del debito ucraino e il pre-pagamento delle forniture per la prossima stagione invernale.

L’intesa comprende un protocollo vincolante che assicura le forniture di gas a Kiev sino a marzo 2015 e un’aggiunta al contratto tra Naftogaz e Gazprom. Testimoni della firma il presidente della Commissione europea, José Manuel Durão Barroso e il vicepresidente Maroš Šefčovič. A porre la sigla i ministri per l’Energia russo, Alexander Novak, e quello ucraino, Iuri Prodan, gli amministratori delegati di Naftogaz e Gazprom e il commissario Ue all’Energia, Günther Oettinger, che ha reso noti alcuni passaggi dell’intesa.

L’accordo — è stato spiegato — prevede una cifra di circa 4,6 miliardi di dollari tra il saldo del debito ucraino nei confronti di Mosca e le forniture di gas da ora a marzo 2015. Il debito pregresso, pari a 3,1 miliardi, sarà pagato in due tranche: la prima da 1,45 miliardi che Kiev dovrà versare oggi e i restanti 1,65 miliardi entro fine anno. L’Ucraina garantisce i pagamenti grazie a un prestito del Fondo monetario internazionale per il pregresso, mentre il pagamento delle nuove forniture — è stato spiegato nel corso di una conferenza stampa al termine dell’incontro — viene garantito dai finanziamenti già previsti dai programmi di assistenza finanziaria Fmi-Ue, a cui se ne aggiungerà un terzo nell’anno nuovo. Il prezzo è stato fissato in 385 dollari per mille metri cubi di gas.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE