Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sanare ogni abuso
del potere politico

· ​I provinciali gesuiti sulla crisi in Venezuela ·

Il ruolo dei diversi protagonisti sociali e politici venezuelani, la posizione dei paesi e dei blocchi transnazionali che incidono sulla crisi e il contributo al dialogo della Compagnia di Gesù sono stati i temi al centro del seminario latinoamericano «Ricerca di alternative politiche alla crisi venezuelana», organizzato a Lima dalla Conferenza dei provinciali gesuiti in America latina e Caraibi (Cpal) insieme all’Università «Antonio Ruiz de Montoya» di Lima e all’Università cattolica «Andrés Bello» di Caracas. All’evento hanno preso parte una cinquantina di persone tra laici e sacerdoti (tra i quali diciannove gesuiti) di diverse aree accademiche e di vari stati dell’America latina.

«Siamo coscienti del fatto che le cause dell’attuale deterioramento della democrazia e delle condizioni di vita del popolo venezuelano sono di vecchia data», scrive padre Roberto Jaramillo, presidente della Cpal, nel messaggio conclusivo dei lavori. Tuttavia, l’attuale situazione risulta «eticamente intollerabile e politicamente insostenibile».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE