Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Salvare vite
prima di tutto

· Mentre continuano le indagini sul ruolo delle ong ·

L’agenzia Frontex, che per prima ha sollevato perplessità sulle attività delle ong e sui loro presunti legami con i trafficanti di esseri umani, ha chiesto oggi che nessuno tragga conclusioni affrettate, senza il lavoro degli investigatori, e ha chiarito che l’obiettivo di tutti resta quello di salvare vite. Ma il dibattito prosegue: Medici senza frontiere (Msf) e Unicef denunciano «strumentalizzazioni» e «cinici attacchi» da varie parti politiche, mentre la fondazione Migrantes della Cei invita a concentrarsi sulla «lotta al vero male che è il traffico di esseri umani» e chiede «corridoi umanitari che sottraggano al racket e alla morte i migranti».

Ricerca di superstiti di naufragio  nel Mediterraneo (Afp)

Salvare vite — ha sottolineato Izabella Cooper portavoce dell’agenzia europea per il controllo delle frontiere — «non è solo una priorità, ma anche un obbligo internazionale per tutti coloro che operano nel mare». Dopo aver ricordato questo, Cooper ha ribadito il punto essenziale: «I trafficanti che operano in Libia stanno approfittando dell’obbligo internazionale di salvare vite in mare». Ma questo vale per tutti: «Nel 2016, le navi schierate da Frontex hanno salvato circa 90.000 vite in Italia e in Grecia». Il ruolo di Frontex — ha proseguito — è quello di «offrire assistenza tecnica agli stati europei» ma anche di «raccogliere informazioni di intelligence sulle persone attive nel traffico di esseri umani e sulle loro reti, rimandando il tutto alle autorità giudiziarie dei paesi Ue».

Come detto, Msf si è detta «indignata per i cinici attacchi al lavoro delle ong in mare da parte di alcuni esponenti della politica italiana” e ha annunciato che "valuterà in quali sedi intervenire a tutela della propria azione, immagine e credibilità». Il presidente di Msf Italia, Loris De Filippi, ha parlato di «una polemica strumentale che nasconde le vere responsabilità di istituzioni e politiche, che hanno creato questa crisi umanitaria lasciando il mare come unica alternativa». Posizioni analoghe da parte di Unicef e Save the Children.

In questo quadro, il direttore di Migrantes della Conferenza episcopale italiana (Cei), Giancarlo Perego, ha dichiarato: «Fermo restando che queste accuse debbano trovare dei riscontri che finora non ci sono stati, credo che queste accuse abbiano dietro una visione ipocrita e vergognosa». E ha chiarito che si tratta «di chi non vuole salvare in mare persone in fuga e di chi non vuole fare canali umanitari attraverso i quali le persone potrebbero arrivare in sicurezza, combattendo così ciò che va combattuto realmente: il traffico di esseri umani che finanzia il terrorismo». Voltare faccia dall’altra parte — ha aggiunto Perego — «o puntare il dito contro le organizzazioni internazionali credo che sia un’operazione da condannare. È necessario invece portare la coscienza europea a rafforzare i canali umanitari».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE