Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Salute negata

· ​Papa Francesco denuncia l’esclusione dei poveri dell’Africa dai servizi sanitari essenziali ·

In diverse parti del mondo, soprattutto in Africa, la salute viene di fatto «negata» e anziché «un diritto per tutti» si trasforma in «un privilegio per pochi, quelli che possono permettersela». Lo ha denunciato Papa Francesco ricevendo in udienza l’organizzazione Medici con l’Africa - Collegio universitario aspiranti e medici missionari (Cuamm), che da oltre 65 anni lavora in sette Paesi del continente «in favore del diritto umano fondamentale della salute per tutti». Un diritto basato sulla convinzione — ha affermato il Pontefice durante l’incontro di sabato mattina, 7 maggio, nell’Aula Paolo VI — che la salute «non è un bene di consumo» e che «l’accessibilità ai servizi sanitari, alle cure e ai farmaci» non deve restare «un miraggio» ma va assicurata a livello «universale».

In Africa — ha constatato con preoccupazione Francesco — «i più poveri non riescono a pagare e sono esclusi dai servizi ospedalieri, anche dai più essenziali e primari». Vittime di questo meccanismo di esclusione sono soprattutto le donne in attesa e i piccoli: «troppe mamme muoiono durante il parto e troppi bambini non superano il primo mese di vita a causa della malnutrizione e delle grandi endemie». Proprio in mezzo a questa «umanità ferita e dolente» i medici del Cuamm sono chiamati a testimoniare l’amore della «Chiesa madre che si china sui più deboli e se ne prende cura». Una Chiesa che non è una «super clinica per vip» ma piuttosto un «ospedale da campo» al servizio dei «tanti feriti e umiliati della storia».

Per il Papa l’Africa ha bisogno di «processi di sviluppo autentici e duraturi», che «necessitano di impostazioni di lavoro serie, domandano ricerca e innovazione e impongono il dovere di trasparenza verso i donatori e l’opinione pubblica». In ogni caso vanno coinvolte le popolazioni, chiamate a diventare artefici del proprio futuro: «vi esorto — ha detto il Pontefice rivolgendosi ai volontari — a mantenere il vostro peculiare approccio alle realtà locali, aiutandole a crescere e lasciandole quando sono in grado di continuare da sole».

Il discorso del Papa 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 gennaio 2018

NOTIZIE CORRELATE