Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Salta la tregua tra Israele e Gaza

· ​Violenti scontri al confine dopo gli arresti in Cisgiordania ·

È ormai finita la tregua al confine tra Israele e la striscia di Gaza. Settantacinque palestinesi sono stati feriti ieri dal fuoco israeliano nel corso di incidenti scoppiati al confine orientale durante manifestazioni di protesta. Lo riferiscono fonti mediche locali.

I dimostranti della striscia di Gaza hanno espresso solidarietà ai palestinesi della Cisgiordania dopo i numerosi arresti dei giorni scorsi. Da parte sua, l’esercito israeliano ha riferito che durante gli scontri al confine i dimostranti «hanno scagliato verso i soldati sassi, bottiglie incendiarie e ordigni esplosivi». In Cisgiordania, come accennato, la tensione è altissima. Ramallah è circondata da ingenti forze militari. Più di cento palestinesi sono stati arrestati dalle forze di sicurezza israeliane in operazioni effettuate negli ultimi due giorni. Tra le persone fermate — dicono fonti di stampa — ci sarebbero anche due parlamentari del Consiglio legislativo palestinese e altrettanti giornalisti. Solo la scorsa notte, come riporta l’agenzia di stampa ufficiale palestinese Wafa, sono finiti in manette 46 palestinesi che Israele ritiene legati ad Hamas. Operazioni sono state effettuate a Hebron e nelle vicine località di Idhna, Beit Kahel, Yatta e Adh-Dhahiriyya. Tra i fermati nella zona di Hebron, scrive sempre la Wafa, c’è il deputato Muhammad Ismail Al Tal. Anche il giornalista Raed Al Sharif, che lavora per la televisione egiziana Al Ghad, è stato arrestato a Hebron e gli sono stati sequestrati il telefono cellulare e una telecamera.

Ma non è tutto. Ieri sera sono scoppiati violenti disordini nel campo profughi di Jelazun, in prossimità di Ramallah. Secondo fonti locali, un ragazzo palestinese di circa sedici anni, Mahmud Yussef Nakhle, è stato ucciso dal fuoco israeliano. Il ragazzo è giunto in ospedale in condizioni critiche ed è deceduto dopo il ricovero. L’esercito israeliano non ha commentato la notizia.

Nelle stesse ore in cui scoppiavano i disordini a Jelazun un soldato israeliano è stato assalito e ferito da un palestinese nelle vicinanze dell’insediamento di Beit El.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE