Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Russia e Turchia annunciano la tregua in Siria

· Concordata con il governo di Damasco e i gruppi di ribelli ·

Russia e Turchia hanno annunciato oggi il raggiungimento di un accordo per il cessate il fuoco in tutta la Siria. Stando a quanto riportano i media locali, Mosca e Ankara hanno concordato la tregua con il governo di Damasco e con i gruppi di ribelli. Se l’accordo reggerà, le parti potranno partecipare ai negoziati politici ad Astana, in Kazakhstan. 

L’accordo è il frutto di un lungo processo diplomatico. Ieri i ministri degli esteri russo e turco, Serghiei Lavrov e Mevlüt Çavuşoğlu, avevano discusso la preparazione dell’incontro tra l’opposizione siriana e il governo e i termini del cessate il fuoco in Siria. I capi della diplomazia avevano sottolineato la necessità di concordare al più presto «parametri pratici per porre fine alle azioni di combattimento, separare l’opposizione moderata dai gruppi terroristici» e preparare l’incontro ad Astana «su invito della leadership del Kazakhstan per il lancio della soluzione politica» come recita un comunicato.
Secondo l’agenzia Interfax, Lavrov ha anche reso noto che sarebbero già in corso degli incontri tra i rappresentanti di alcuni gruppi della cosiddetta “opposizione moderata” ed esponenti del governo del presidente Assad. Il capo della diplomazia russa non ha però precisato dove si starebbero svolgendo attualmente questi «incontri preparatori». Lavrov ha poi lanciato gravi accuse alla coalizione a guida statunitense che, a suo dire, avrebbe autorizzato l’invio di lanciamissili mobili ai ribelli siriani, con il rischio di «provocare ulteriori escalation della crisi e nuove vittime». Washington ha immediatamente smentito queste affermazioni.
Gravi accuse contro la coalizione a guida statunitense sono state formulate ieri anche dal presidente turco, Recep Tayyip Erdoğan. Questi ha affermato di avere le prove che la coalizione avrebbe «fornito sostegno a gruppi terroristici in Siria». Secondo Erdoğan, che ha parlato in una conferenza stampa ad Ankara, avrebbero ricevuto supporto le milizie curde Ypg (considerate terroriste dalla Turchia), che sono la forza principale tra le cosiddette Forze democratiche siriane (Sdf, a predominanza curda), e i curdi siriani del Partito democratico curdo (Pyd), che Ankara considera legato al Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk). Il vice portavoce del dipartimento di stato statunitense ha prontamente smentito anche questa accusa, definendola «ridicola» e priva di ogni fondamento.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE