Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Russia e Cina
rafforzano la cooperazione

· Vladimir Putin a Pechino per colloqui con Xi Jinping ·

Mentre si apre in Canada il vertice del g7, il presidente della Russia, Vladimir Putin, è in Cina per una visita di tre giorni, destinata a rafforzare le relazioni bilaterali. Una visita, indicano gli analisti, diretta a sottolineare come le crescenti pressioni degli Stati Uniti stiano, di fatto, rafforzando i legami tra Mosca e Pechino. Nel 2014 la Russia è stata esclusa dal g8. Sottolineando la sua stretta relazione personale con il presidente cinese, Xi Jinping, Putin lo ha definito «un amico stretto e leale». Lo scorso anno Putin e Xi si sono visti cinque volte (25 in totale).

A Pechino sono previsti colloqui su energia e industria, ma anche sullo sviluppo dei corridoi di trasporto internazionali Primorye-1 e Primorye-2. I due leader parteciperanno, tra l’altro, al diciottesimo vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (Sco), foro politico, economico e di sicurezza di cui fanno parte Cina, Russia, Kazakstan, Kirghizstan, Tadjikstan, Uzbekistan, India e Pakistan, in programma nel fine settimana nella città di Qingdao. In queste ore è in Cina anche il presidente dell’Iran, Hassan Rohani. Con Xi verranno firmati quattro intese che riguardano la lotta al narcotraffico e al crimine organizzato, il ruolo dell’Iran nell’iniziativa One Belt, One Road (la nuova via della seta), la cooperazione sulla sicurezza e la Borsa. Anche Rohani prenderà parte al vertice della Sco. Non è escluso, rilevano i media sudcoreani, che Putin e Xi possano incontrare a Qingdao il leader nordcoreano, Kim Jong-un, che si appresta al faccia a faccia con Trump il prossimo 12 giugno a Singapore. Seoul non ha dato conferme, ma c’è la possibilità che Kim effettui una visita non programmata nella città costiera dello Shandong per per rafforzare il peso negoziale, andando all’incontro di Singapore dopo colloqui con partner strategici.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE