Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ritorno in America

Il viaggio di Benedetto XVI in Messico e a Cuba può essere definito un ritorno per due motivi. Per la continuità con i ripetuti viaggi del suo predecessore — «totalmente in continuità» ha detto conversando con i giornalisti mentre l’aereo sorvolava l’Inghilterra — e per il fatto di essere già stato, all’inizio degli anni Novanta, nel grande Paese americano. Ora vi è tornato da Papa, presentandosi con semplicità all’arrivo come pellegrino della fede, della speranza e della carità, e aprendo le braccia a tutti i Paesi dell’America latina, che hanno appena celebrato il bicentenario della loro indipendenza. Davvero per «stringere le mani di tutti i messicani» e, idealmente, di tutti i latinoamericani, accolto con cordialità dal presidente Felipe Calderón e dal calore straordinario degli abitanti di León riversatisi a migliaia nelle strade per festeggiarlo.

Evocando espressamente il celebre incipit di uno dei grandi documenti del Vaticano II — il concilio che si aprì mezzo secolo fa e il cui anniversario segnerà nel prossimo ottobre l’inizio di un nuovo anno della fede, dopo quello voluto da Paolo VI — Benedetto XVI ha affermato di condividere la gioia e la speranza ( gaudium et spes ) ma anche i lutti e le dolorose difficoltà del Messico. Qui è tornato per incoraggiare e confortare nella lotta del bene contro il male. E oggi vi è un “grande male”, il narcotraffico, descritto dal Papa stesso nel libro Luce del mondo come un mostro che rischia di avvolgere nelle sue spire il mondo e di distruggere le generazioni più giovani.

Di fronte a questo flagello e a quello di una violenza efferata la Chiesa deve avvertire la propria responsabilità, in un Paese dove i cattolici sono la stragrande maggioranza. Dio infatti ama l’uomo e lo chiama a lottare contro il male: per smascherare — termine che Benedetto XVI ha ripetuto due volte nell’incontro con i giornalisti — l’idolatria del denaro che rende schiavi e la menzogna che distoglie dalla felicità senza fine. Questa responsabilità si concretizza nell’educazione delle coscienze, e proprio a questo impegno la Chiesa è chiamata, sempre interrogandosi su cosa deve fare di fronte ai bisogni del mondo. Non essendo un potere politico, e meno che mai un partito, il suo compito è appunto quello di condurre alla fede autentica, in società dove si rischia la schizofrenia tra la sfera individuale e l’ambito pubblico, da dove spesso si tende a eliminare la dimensione religiosa.

Anche la visita a Cuba è in continuità perfetta con quella di Giovanni Paolo II e con le sue parole — definite dal suo successore «attualissime» — sulla necessità di una apertura reciproca tra la grande isola caraibica e il mondo. Allora Papa Wojtyła aprì una strada di collaborazione, lunga e che richiede pazienza: l’ideologia marxista infatti non risponde alla realtà, bisogna trovare nuove strade per una società fraterna e giusta, ed è ovvio che la Chiesa sta sempre dalla parte della libertà. In uno scenario continentale caratterizzato dall’urgenza della nuova evangelizzazione, avviata con il concilio, e di fronte a un mondo secolarizzato che ha difficoltà a riconoscere Dio come realtà. Un Dio che invece risponde alla ragione e, insieme, all’intuizione del cuore. Perché è vicino a ogni persona il Dio che è amico dell’uomo e vuole la sua salvezza.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE