Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ritorno a casa

· Pellegrinaggio a Fátima con gli emigranti portoghesi ·

Con la preghiera «per tanti nostri fratelli e sorelle, costretti a fuggire dalla loro terra solo perché portano il nome di cristiani», gli emigranti portoghesi si sono dati appuntamento a Fátima per un pellegrinaggio che è stato anzitutto «un ritorno a casa». Due giornate intense, il 12 e il 13 agosto, guidate dall’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione. «Molti tra voi sanno cosa significa la lontananza da casa, dalla famiglia, dagli affetti e vivere in un paese straniero — ha detto loro il presule — ma oggi siete ritornati qui alla cappellina delle apparizioni, proprio perché questa è casa vostra».

Eugène Laermans, «Gli emigranti» (1894)

«Negli anni passati — ha proseguito il presule — voi avete lasciato la famiglia, la casa, la vostra città e il Portogallo per andare a cercare lavoro in altri Paesi». Così facendo, «avete conosciuto la fatica e la sofferenza di apprendere un’altra lingua, di vivere lontano dagli affetti, di trovare tradizioni diverse». Ma questo pellegrinaggio «è dedicato proprio al ritorno a casa, a parlare di nuovo la propria lingua, a riprendere le tradizioni che hanno segnato la vostra storia e il vostro modo di vivere». E per i portoghesi, ha rimarcato l’arcivescovo, «ritornare a casa significa anche farsi pellegrini alla cappellina dove la madre di Dio ci accoglie e ci fa sentire protetti», perché davvero «la Madonna di Fátima è impressa nel cuore di ogni portoghese che la porta con sé dovunque vada: appartiene all’identità di questo popolo e ognuno si sente di appartenerle».

«Siamo qui per pregare» ha insistito monsignor Fisichella, invitando i presenti a invocare i santi Francesco e Giacinta — canonizzati da papa Francesco lo scorso 13 maggio — e auspicando che «presto anche la serva di Dio, suor Lucia, possa ricevere il riconoscimento che le è dovuto e così anche nella santità i tre pastorelli saranno riuniti come un tempo». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 febbraio 2019

NOTIZIE CORRELATE