Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Risposta sbagliata

· La Banca mondiale denuncia il fallimento della comunità internazionale di fronte all’Ebola ·

Nella sola Sierra Leone si registrano ormai trenta vittime al giorno

La presa d’atto di una sottovalutazione dell’epidemia di ebola in Africa occidentale, o almeno dei ritardi nell’intervento per contrastarla, emergono dalle dichiarazioni e dagli allarmi lanciati in queste ore da diversi soggetti internazionali. 

Una bambina liberiana piange dopo aver appreso del contagio della madre (LaPresse/Ap) ________________________________________

Dopo le accuse mosse in questo senso in settimana dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ad altri grandi Paesi, peraltro non specificati, è stato ieri il presidente della Banca mondiale, Jim Yong Kim, a riconoscere che la comunità internazionale ha «fallito miseramente la sua risposta all’epidemia» che sta devastando Sierra Leone, Liberia e Guinea. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, i morti sono già 3.879 e non vi sono segnali che il contagio stia rallentando. Nelle ultime ore la situazione più drammatica è segnalata dalla Sierra Leone, dove si stanno registrando trenta morti al giorno. Ieri era stata la Fao, l’organizzazione dell’Onu per l’alimentazione e l’agricoltura, a dichiarare che servono immediatamente trenta milioni di dollari per fronteggiare l’emergenza alimentare provocata dall’epidemia nei tre Paesi. Ora la Banca mondiale, che in occasione della sua assemblea annuale di questo fine settimana a Washington organizza una riunione alla presenza dei leader dei tre Paesi, intende costituire un fondo da venti miliardi di dollari che, in futuro, sarà in grado di reagire istantaneamente alle emergenze.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE