Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In risposta
alle violenze

· Dai leader religiosi indonesiani l’invito alla solidarietà ·

Jakarta, 6. «Tutelare la diversità» in Indonesia. È l’appello lanciato da leader di diverse religioni e culture, riuniti nei giorni scorsi — in occasione del mese islamico del ramadan — nella cattedrale di Jakarta, nel giorno celebrativo della Pancasila, la carta dei cinque principi, che sono alla base della Costituzione del paese asiatico.

Il primo dei cinque principi della Pancasila è «credere nell’unico e solo Dio», per cui lo stato riconosce ufficialmente l’islam, il protestantesimo, il cattolicesimo, il buddismo, l’induismo e il confucianesimo e i cittadini sono liberi di professare la loro fede.

Significativo che i fedeli musulmani dell’Indonesia — che rappresentano quasi il 90 per cento dei suoi 260 milioni abitanti — hanno voluto festeggiare quest’anno il ramadan insieme a fedeli cristiani e buddisti, convenuti per ribadire il desiderio comune di convivenza pacifica e la condanna dei recenti atti terroristici avvenuti il mese scorso a Surabaya, nella provincia di Giava Orientale, che hanno causato la morte di almeno 23 persone, per mano di un gruppo islamista. «Siamo rimasti scioccati dall’ultimo attentato a Surabaya, ma con questo incontro stiamo rivitalizzando uno spirito di solidarietà», ha testimoniato all’agenzia Fides padre Hani Rudi Hartoko, parroco della cattedrale di Jakarta.

Tra i partecipanti al raduno anche Alissa Wahid, la figlia dell’ex presidente indonesiano, Abdurrahman Wahid, noto come “Gus Dur”. «Questo evento — ha sottolineato — è stato ideato dopo gli attacchi di Surabaya, per mostrare che la Pancasila rimane forte».

«Non è vero che i terroristi entreranno in paradiso dopo aver ucciso persone innocenti», ha dichiarato James Smith Carrington, membro di Nahdlatul Ulama, movimento sunnita tradizionalista e del Consiglio degli ulema indonesiano. Carrington ha spiegato che l’islam ha sempre rispettato la diversità, in linea con la Pancasila, ribadendo che il raduno nella cattedrale cattolica di Jakarta si è svolto per confermare questo valore. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE