Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per rispondere insieme alla crisi della società

· ​In Bulgaria il cardinale Sandri parla di unità dei cristiani e dialogo con i musulmani ·

Unità fra cristiani e dialogo tra le religioni per essere insieme «motori di sviluppo della società» e rispondere concretamente alla crisi alimentata da una mentalità secolarizzata. Sono i temi che hanno segnato, venerdì 30 giugno, il primo giorno della visita in Bulgaria del cardinale Leonardo Sandri.

Il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali  con il patriarca ortodosso Neofit

Parlando nel pomeriggio, nella concattedrale latina di San Giuseppe, ai sacerdoti e ai religiosi che svolgono il loro ministero a Sofia, il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali ha invitato il «piccolo gregge» dei cattolici ad attingere al patrimonio e alla profondità della tradizione orientale per dare insieme testimonianza «all’unico nome di Cristo» ed essere missionari in una società «segnata dalla crisi del rispetto della dignità umana, dal decadimento della famiglia, dalla mancanza di speranza in tanti delle giovani generazioni, dalla fatica ad accogliere e integrare l’altro bisognoso».

Il porporato è giunto a Sofia nel pomeriggio del 29 giugno su invito della Conferenza episcopale composta dalle due diocesi latine di Sofia-Plovdiv e Nicopoli, e dall’esarcato per i fedeli bizantini. Una Conferenza interrituale, dunque, nella quale — ha sottolineato ricordando le figure di due santi pontefici, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II — si «respira realmente “a due polmoni”». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE