Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Riserve d'amore per i sofferenti

· All'Angelus il pensiero del Papa agli operatori sanitari ·

«Riserve d'amore» per colore che soffrono. Così il Papa ha definito medici, infermieri e quanti assicurano assistenza religiosa negli istituti di cura, per la loro instancabile opera al fianco dei malati. Benedetto XVI  - rivolgendosi ai fedeli che domenica 1°  luglio hanno partecipato alla recita dell'Angelus in piazza San Pietro - ha ricordato che Gesù è «venuto a liberare l'essere umano nella sua totalità». E ha sottolineato l'importanza di un atteggiamento verso i sofferenti improntato soprattutto all'umanità e all'amore. Ribadendo quanto aveva già scritto nella Deus caritas est,  il Pontefice  ha ricordato come in questo «prezioso servizio» occorre certamente la competenza professionale; ma «questa da sola non basta» poichè si ha a che fare con  «esseri umani, che hanno bisogno di umanità e dell'attenzione del cuore». Perciò, ha concluso, è necessaria una «formazione del cuore».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE