Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Riscoprire le radici per proiettarsi verso il futuro

· L’incontro mondiale della gioventù indigena a Panamá ·

Risposte alle «tante e tanto scandalose situazioni di emarginazione, di esclusione, di scarto e di impoverimento alle quali milioni di giovani sono condannati, specialmente i giovani dei popoli originari, nel mondo». Le auspica il Papa in occasione dell’incontro mondiale della gioventù indigena in corso dal 17 al 21 gennaio a Soloy, Panamá, i cui partecipanti raggiungeranno poi la capitale per unirsi ai coetanei dei cinque continenti per le celebrazioni della Gmg. Attraverso un videomessaggio Francesco ha esortato a «tornare alle culture delle origini» facendosi «carico delle radici, perché dalle radici viene la forza che farà crescere, fiorire e fruttificare», e al contempo ha chiesto di riaffermare l’«impegno di proteggere la casa comune».

Il videomessaggio del Papa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE