Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Riflesso della compassione di Dio

· Stanziamento dell’episcopato statunitense per la ricostruzione di Haiti ·

Washington, 10. Due milioni di dollari per la ricostruzione di Haiti — dove sono ancora fortemente presenti le ferite del sisma del 2010 e della successiva devastazione procurata dall’uragano Matthew nel 2016 — sono stati recentemente stanziati dall’episcopato statunitense. Il contributo, rende noto un comunicato diffuso attraverso il sito in rete della Conferenza episcopale, fa parte di una più ampia opera di supporto (complessivamente sono stati donati sei milioni di dollari) al lavoro pastorale della Chiesa in America latina e nei Caraibi.

In particolare sono due i progetti che riguardano Haiti: una prima sovvenzione per aiutare a ricostruire le chiese nella parte occidentale del paese dopo il passaggio dell’uragano; un’attività pastorale per la formazione di circa quattrocento operatori provenienti da quattro parrocchie colpite dal terribile evento atmosferico che provocò la morte di almeno novecento persone e un milione e mezzo di sfollati. «Sono colpito dalla generosità dei cattolici degli Stati Uniti — ha sottolineato monsignor Eusebio L. Elizondo, vescovo ausiliare di Seattle e presidente della sottocommissione episcopale per la Chiesa in America latina — perché questo fa la differenza nella vita di innumerevoli persone in America latina e nei Caraibi. Tale generosità riflette l’amore e la compassione di Dio. Lo vedo soprattutto nella risposta che abbiamo ricevuto per aiutare le vittime dell’uragano Matthew. Con questo aiuto, non solo si finanziano progetti pastorali, ma si riesce a ricostruire le chiese in alcune diocesi di Haiti».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE