Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per ricostruire
dopo il tifone Haiyan

· Visita nelle Filippine del segretario del dicastero per i migranti ·

«Aiutare i marittimi colpiti dal tifone, dialogando con la Chiesa locale, con progetti sostenibili, che tengano conto dell’equilibrio ecologico e della difesa dei diritti dei pescatori, e che siano economicamente trasparenti».

È quanto ha raccomandato il vescovo Joseph Kalathiparambil, segretario del Pontificio Consiglio per la pastorale dei migranti e degli itineranti, spiegando lo scopo del viaggio che sta realizzando in questi giorni nelle Filippine, accompagnato da padre Bruno Ciceri, incaricato dell’apostolato del mare in seno allo stesso dicastero.

Dopo il tifone Haiyan del 7 novembre scorso, il Pontificio Consiglio ha istituto un fondo speciale per finanziare progetti a beneficio della gente di mare delle aree interessate. Il cardinale presidente Antonio Maria Vegliò ha riferito che «questa campagna ha suscitato una commossa reazione di solidarietà da parte dei centri Stella maris di tutto il mondo e di numerose persone, e fino a questo momento ci ha permesso di raccogliere una cifra del tutto ragguardevole».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

06 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE