Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In rete le glosse medievali del monaco Tremulous Hand

Le annotazioni, più di cinquantamila, vergate su una miriade di manoscritti dal monaco vissuto nel Duecento e soprannominato Tremulous Hand per il continuo tremolio della mano che lo affliggeva, rappresentano uno dei pilastri dell’antica storia letteraria inglese. Il monaco, la cui identità è ignota nonostante i ripetuti tentativi degli studiosi di identificarlo, si prefisse di far conoscere, decifrandoli e spiegandoli con glosse e commenti, molti testi scritti in inglese antico alle generazioni future. Adesso gran parte di quei manoscritti, caratterizzati da una inconfondibile grafia dovuta appunto alla “mano tremante” del copista, sono ora consultabili sul sito della British Library — riferisce il «Guardian» del primo febbraio — che ha voluto così rinnovare onore e merito a quel monaco tuttora avvolto nella leggenda, divulgandone la certosina opera con gli strumenti della tecnologia moderna. Nel XIII secolo l’inglese antico non era più parlato in Inghilterra e così il copista trascrisse le glosse nella lingua parlata oppure in latino, a beneficio dei suoi contemporanei. E se qualche passo risultava, dopo le annotazioni, ancora incerto, Tremulous Hand faceva dei disegni, anch’essi un po’ mossi, per meglio illustrare i contenuti, spesso dal significato oscuro, dei manoscritti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE