Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Restaurare il Cielo

· ​Proseguono i lavori nell’antica basilica della Natività a Betlemme ·

La Basilica della Natività a Betlemme, gioiello del cristianesimo dei primi secoli, sta ritrovando il suo antico splendore. 

Nel 2012, l’Unesco aveva redatto un rapporto più che allarmante: secoli di infiltrazioni d’acqua, di accumulo di polvere, di fuliggine formata dal fumo di candele e incenso, avevano gravemente compromesso il futuro della basilica, edificata nel IV secolo da Costantino e dalla madre Elena. L’avvertimento fu all’origine di un vasto progetto di restauro, affidato dalle autorità palestinesi alla società italiana Piacenti S.p.A., che nel 2013 si era aggiudicata l’appalto internazionale. Il progetto prevedeva inizialmente la ristrutturazione del complesso tetto della chiesa e la sostituzione delle finestre, ma l’arrivo di ulteriori fondi ha consentito anche la ripulitura, il restauro di un prezioso ciclo di mosaici, nonché l’analisi e la mappatura di oltre un milione e seicentomila tessere musive. Un’impresa di ampio respiro, che ha richiesto le competenze tecniche di centosettanta persone, di cui la maggior parte italiane, trasferitesi a Betlemme per l’occasione.
Dei duemila metri quadrati di superficie è stato possibile salvare circa duecento metri quadrati di mosaici originali. L’opera di recupero ha anche reso possibile una notevole scoperta: la figura inedita di un angelo alto quasi tre metri, nascosta da più decenni sotto uno strato d’intonaco. L’angelo, che diventa il settimo della serie di sei angeli conosciuti finora, era stato ricoperto dopo aver perso gran parte della testa in un attacco degli ottomani iconoclasti. Lo hanno riportato alla luce avanzate tecniche di termografia. «Era stato ucciso. In un certo senso, con il restauro gli abbiamo reso vita», si rallegra Giammarco Piacenti, presidente dell’azienda, nel documentario Restaurare il Cielo, diretto da Tommaso Santi, che ripercorre le diverse tappe di un progetto che ha saputo mobilitare l’intera comunità civile e trascendere i conflitti interconfessionali.
La felice vicenda ha ispirato a Papa Francesco la convinzione che «anche il volto delle nostre comunità ecclesiali può essere coperto da incrostazioni dovute ai diversi problemi e ai peccati». Durante un’udienza ai membri della Riunione delle opere di aiuto per le Chiese orientali il 16 giugno scorso, il Papa ha ribadito che «sotto le incrostazioni materiali e morali, anche sotto le lacrime e il sangue provocati dalla guerra, dalla violenza e dalla persecuzione, sotto questo strato che sembra impenetrabile c’è un volto luminoso come quello dell’angelo del mosaico».
L’intervento dei restauratori, unico nella storia della basilica, non finisce qui. Si concentrerà adesso sulla facciata esterna, i colonnati, i pavimenti, e la grotta, che potrebbero riservare altre sorprese. Infatti, sarebbero state ritrovate tracce dell’imperatore Costantino all’interno degli architravi di Giustiniano. Un’ipotesi giudicata plausibile dagli archeologi ma ancora in attesa di conferma.

di Solène Tadié

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE