Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Responsabilità ineludibili

· Conclusa la visita del cardinale Parolin a Praga ·

Statua di sant’Agnese a Praga

Si è conclusa domenica 16 novembre la visita a Praga del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, giunto nella Repubblica Ceca su invito dell’arcivescovo di Praga, il cardinale Dominik Duka, in occasione del venticinquesimo anniversario della canonizzazione di sant’Agnese di Boemia. E l’ultimo atto pubblico del porporato si è svolto proprio nella chiesa parrocchiale intitolata alla santa che Giovanni Paolo II elevò alla gloria degli altari il 12 novembre 1989. «Agnese — ha detto il segretario di Stato durante la messa celebrata nella mattina di domenica — è una santa molto amata e venerata dalla popolazione ceca la quale, tra l’altro, considera la sua canonizzazione come il preludio della liberazione del Paese dal regime totalitario»: un «ritorno del sistema democratico e del rispetto della persona umana» che si concretizzò a partire, sempre venticinque anni fa, dalla cosiddetta Rivoluzione di velluto.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE