Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Rajoy ribadisce il no al referendum catalano

· Clima teso a Barcellona dove continuano le manifestazioni degli indipendentisti ·

«Invito il governo catalano a fermare questa escalation di disobbedienza e radicalismo». Queste le parole usate dal presidente del governo spagnolo, Mariano Rajoy, ieri, in un discorso televisivo alla nazione. Rajoy ha affermato che c’è ancora tempo per evitare mali peggiori e che il referendum sull’indipendenza della Catalogna non potrà avere luogo perché illegale e illegittimo.
Oggi il portavoce dell’esecutivo spagnolo, Íñigo Méndez de Vigo, ha ripetuto che la consultazione elettorale non si svolgerà e che il presidente del governo offre “una mano tesa” ai separatisti se fermeranno l’escalation.
E se la posizione del governo conservatore di Madrid è netta, più aperte al dialogo sembrano mostrarsi le opposizioni, seppur con idee diverse. Il partito socialista è contrario all’organizzazione del referendum, perché non legittimo, ma invita al tempo stesso i separatisti catalani ad aprire un dialogo per giungere a una maggiore autonomia della regione.
A favore dello svolgimento della consultazione è invece Podemos, tra i partiti più a sinistra del parlamento di Madrid.

Intanto a Barcellona il clima resta molto teso dopo gli arresti e i sequestri di ieri. Durante la notte, migliaia di manifestanti hanno impedito, per ore, ai poliziotti della Guardia civil spagnola di lasciare il ministero dell’economia catalano, dove si trovavano. E nella serata di ieri una manifestazione con almeno 40.000 partecipanti aveva scandito slogan a favore del referendum, come «libertà», «voteremo» e «via le forze di occupazione». Assembramenti di dimostranti si sono tenuti in tutta la Catalogna.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE