Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Rajoy in bilico

· Venerdì il voto sulla mozione di sfiducia dopo la sentenza sul caso Gürtel ·

Il presidente del governo spagnolo Rajoy in parlamento (Epa)

La presidenza del Congresso dei deputati di Madrid ha fissato a venerdì prossimo, primo giugno, il voto sulla mozione di sfiducia presentata dal Partido socialista obrero español (Psoe) contro il presidente del governo, il popolare Mariano Rajoy, in seguito alla sentenza sul caso Gürtel. Il dibattito inizierà giovedì con la presentazione della mozione di sfiducia da parte del segretario dei socialisti spagnoli, Pedro Sánchez, che ha già ottenuto il sostegno di Podemos. Non è ancora chiara la posizione di Ciudadanos, partito centrista finora alleato dei popolari al governo.

Rajoy, intanto, promette battaglia. Fonti vicine al partito fanno sapere che il leader dei popolari ha annullato tutti gli impegni che aveva in agenda questa settimana per prepararsi alla mozione di sfiducia. Il solo appuntamento che ha mantenuto in programma, riferisce Efe, è l’intervento in parlamento mercoledì nella sessione settimanale di controllo del governo. L’inchiesta sullo scandalo Gürtel ha rivelato una rete di tangenti e fondi neri riconducibili al Partito popolare. La Audiencia Nacional di Madrid ha disposto 351 anni di carcere per 29 dei 37 imputati per avere partecipato a una «efficace struttura di corruzione istituzionale». Proprio ieri è stato ordinato l’immediato ingresso in carcere di Luis Bracenas, l’ex tesoriere del Partito popolare, condannato per corruzione giovedì a 33 anni e a 44 milioni di multa.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE