Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Raid israeliano
in Siria

· A est di Damasco ·

L’esercito siriano ha annunciato questa mattina di aver abbattuto un jet israeliano mentre era in corso un attacco contro un deposito di armi nei pressi di Al Katifa, sobborgo est di Damasco.

In un comunicato l’esecutivo ha confermato il raid israeliano, che sarebbe stato condotto non solo con i caccia, ma anche con missili terra-terra. Il comunicato afferma che l’attacco «è stato respinto» e che sarebbero stati abbattuti anche alcuni missili israeliani. Il governo ha quindi «messo in guardia dai rischi rappresentati da simili aggressioni» considerando lo Stato di Israele «pienamente responsabile per le sue ripercussioni».

Fonti dell’opposizione siriana hanno parlato di almeno quattro velivoli che sarebbero penetrati in Siria attraverso lo spazio aereo libanese. Nessuna conferma del raid è giunta da Israele. La scorsa domenica — riferiscono i media — il governo presieduto da Benjamin Netanyahu aveva tenuto una lunga riunione proprio sulla crisi siriana e sulla situazione al confine. In quell’occasione — dicono le stesse fonti — il ministro della difesa israeliano, Avigdor Lieberman, aveva espresso le sue preoccupazioni per le «possibili infiltrazioni terroristiche dal territorio siriano in Israele».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE