Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Raid israeliani sul Golan

· Uccisi miliziani di Hezbollah ·

Alta tensione sul Golan al confine tra Siria e Israele. L’esercito israeliano ha lanciato ieri diversi raid sul versante siriano del territorio conteso. Un drone — stando alle ricostruzioni della stampa — ha colpito un’auto nei pressi del villaggio di Hader, uccidendo due miliziani di Hezbollah (il movimento sciita libanese attivo in Siria) e tre soldati delle truppe che sostengono il presidente Assad.

Elicottero israeliano in azione (Reuters)

Le autorità israeliane non hanno commentato l’episodio, mentre una conferma è giunta da Al Manar, la televisione di Hezbollah. Quello di Hader è un villaggio druso lungo la linea di confine. Ribelli siriani lo avevano circondato il 17 giugno dopo duri scontri con miliziani dello Stato islamico nell’area, suscitando l’allerta dell’esercito israeliano. E sempre ieri, fonti del Fronte popolare per la liberazione della Palestina hanno riferito che i caccia israeliani avrebbero bombardato una postazione del gruppo nei pressi del confine tra Siria e Libano, ferendo sei palestinesi. I caccia — stando alle fonti — avrebbero colpito un deposito di armi nella zona di Qousaya, nella valle della Bekaa, nel Libano orientale.   

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE