Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Raffaello è più «inquieto» di Bosch

· Omar Galliani e l’omaggio a Benedetto XVI ·

Alla mostra allestita per festeggiare con le opere di sessanta artisti i sessanta anni di sacerdozio del Papa, inaugurata lunedì scorso nella Sala Nervi, Omar Galliani ha portato l’immenso occhio di un angelo; «presentando la mia opera — ha spiegato a “L’Osservatore Romano” — ho detto a Benedetto XVI che ne esporrò altri nove ad aprile a Roma, al Museo Bilotti. Il Papa mi ha detto che vuole vedere gli altri». Nelle opere più recenti di Galliani, microcosmo e macrocosmo sfumano l’uno nell’altro, l’infinito e il dettaglio dialogano e si illuminano a vicenda: volti assorti e dolcissimi di donna vengono graffiati dalla pioggia o attraversati da sagome di radici, foglie, grafemi e dettagli anatomici volutamente fuori contesto, contrappunti cromatici che innervano di drammaticità e spessore la bellezza apollinea del disegno come «brividi di inquietudine».

«Penso spesso — continua Galliani — a un grande roseto fatto interamente a matita su tavola, visto dall’alto, così che le rose da lontano sembrino costellazioni». Una sensibilità totalmente contemporanea ma capace di dialogare con il passato; nel 2005, all’Archivio di Stato di Torino un suo disegno (5 metri per 6,3) grafite su pioppo, è stato messo a confronto con il volto dell’angelo di Leonardo, preparatorio della Vergine delle rocce , esposto alla Biblioteca Reale.

Nel ciclo di opere dedicato a sant’Apollonia, il bianco dei denti è della stessa natura della luce delle stelle.

Hanno la stessa natura delle stelle e come le stelle pulsano tra luce e ombra. La lente con cui guardo fa sì che un dettaglio abbia la stessa valenza del tutto; disegno un’infinità di segni sovrapposti che come le onde sonore o luminose definiscono gli oggetti o i suoni e contemporaneamente si dissolvono, intraprendendo un nuovo viaggio nello spazio a noi sconosciuto.

Come ha scoperto la passione per la pittura, e per il disegno in particolare? Penso alla sua opera, ma anche al master che ha ideato con l’Accademia di Belle arti di Carrara.

Sono nato tra Parma e Reggio Emilia dove da bambino mi portavano a vedere il Correggio e il Parmigianino. Alle medie disegnavo animali dal vero e in campagna salivo sugli alberi a cercare i nidi dei cardellini per poi disegnarli a matita. Mia madre ne conserva ancora qualcuno. Qualche anno dopo all’istituto d’Arte presi 9 in disegno dal vero. A Parma nell’Istituto Paolo Toschi era un voto molto raro e dato da Federico Belicchi lo era ancor di più. Il master sul disegno è un progetto che nasce dal desiderio di riaffermare oggi tra pixel e forex l’unicità di un mezzo che ha in Italia dal Rinascimento in poi un primato di cui non dovremmo dimenticarci.

A quale opera è più legato? Quali sono i maestri che hanno segnato di più il suo percorso?

Alcuni giorni fa a Roma alla Camera dei Deputati ho rivisto Disegno, una mia matita su tavola di 3 metri per 3 acquisita nel 1996 alla Quadriennale di Roma di quell’anno. Credo sia ancora oggi la congiunzione del mio lavoro di ieri e di oggi. Se penso all’opera di un artista contemporaneo, affiora subito il nome di Gino de Dominicis.

«In certi casi il risultato e il rischio è di creare una vecchia barzelletta, anziché una nuova opera»; non è tenero nel descrivere lo stallo di tanta arte contemporanea.

Conoscere l’opera di Duchamp è importante per costruire un percorso storico-verticale del contemporaneo, ma dopo Duchamp credo sia inutile sforzarsi nell’emulare un concetto di provocazione che aveva un senso in quel tempo; oggi alla luce del Web e di tutto quello che in tempo reale riusciamo a leggere tra notizie vere e false, tra giochi virtuali e provocazioni reali credo sia in ritardo l’opera di molti artisti. Il pubblico è oggi distante dall’arte contemporanea perché ha smarrito i codici di confronto e dialogo trincerandosi sempre di più in un ghetto dorato per pochi adepti. L’arte non parla più al pubblico pretendendo soltanto di essere soltanto ascoltato o guardato. È una forma di compiacimento narcisistico che non porta da nessuna parte.

Un’altra frase che usa spesso: «La condizione della bellezza quasi sempre abita le stanze dell’inquietudine o della ferita»; cosa significa per lei abitare l’inquietudine?

Il termine Bellezza sembra ormai bandito dal lessico artistico attuale sostituito dal termine opposto «brutto-sgradevole» che oggi riveste un ruolo di primaria importanza per i fautori della contemporaneità assoluta instaurando in realtà un nuovo codice di Bellezza altrettanto estetica e decadente. In un’opera di Raffaello, detentore di un equilibrio apparentemente inscalfibile, esistono molte più inquietudini per me che in un’opera di Bosch. La bellezza spesso cela il suo contrario. Quando la bellezza è eccessiva aumenta la consapevolezza della ferita. Il sacrificio del mio tempo per l’opera afferma questa consapevolezza.

Sessanta artisti hanno reso omaggio ai sessant’anni di sacerdozio del Papa; cosa è significato per lei partecipare a quest’iniziativa?

Quando da ragazzo guardavo a testa in su la cupola dell’ Assunta del Correggio vedevo il disegno e la pittura congiungersi al «testo» e pensavo che quell’atto coraggioso e assoluto del pittore potesse restituire all’uomo credente o non credente la vera «fede» nella bellezza, nell’armonia, nell’assoluto. È con lo stesso entusiasmo di allora che mi sono ritrovato in Vaticano a rivivere quell’esperienza con tanti altri artisti che avranno visto con occhi e latitudini diverse la loro Assunta.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE