Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Questione di umanità

· Delegazione di vescovi statunitensi al confine con il Messico ·

Washington, 2. Mentre manifestazioni e cortei di protesta si susseguono in tutto il paese, una delegazione di vescovi statunitensi, guidata dal presidente della Conferenza episcopale, il cardinale arcivescovo di Galveston-HoustonDaniel N. DiNardo, è attesa oggi al confine con il Messico, nella diocesi di Brownsville, all’estremità meridionale del Texas, per testimoniare solidarietà agli immigrati e ribadire la contrarietà della comunità cattolica alla politica della «tolleranza zero». 

L’idea della visita era stata lanciata dal cardinale arcivescovo di Newark, Joseph William Tobin, durante la recente sessione di primavera della Conferenza episcopale, lo scorso 14 giugno in Florida, ed era stata caldamente appoggiata da numerosi presuli. In quell’occasione il cardinale Tobin aveva parlato di «cardiosclerosi e indurimento del cuore», riferendosi alla politica di tolleranza zero che in poche settimane aveva portato all’allontanamento e alla dispersione in strutture di accoglienza di oltre 2.300 bambini, i cui genitori sono accusati di aver varcatore illegalmente la frontiera degli Stati Uniti.

In questo contesto, centinaia di chiamate da parte di famiglie e anche di singole persone stanno subissando il centralino della Conferenza episcopale statunitense per offrire assistenza proprio ai bambini latinoamericani separati forzatamente dai genitori al confine tra Stati Uniti e Messico. Ne dà conto il Catholic New Service, che riporta come soltanto il 20 giugno scorso siano arrivate più di 300 telefonate alla Commissione per i rifugiati e per i migranti, probabilmente sollecitate dalle immagini drammatiche dei bambini in lacrime, dei genitori straziati e anche forse dalla notizia che il Pentagono aveva chiesto 20.000 materassi da inviare al confine, poiché le basi militari sono diventate rifugi per gli adulti in attesa di un processo che deciderà del loro status di rifugiati o di espulsi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE