Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Questione di Prudenza

· Editoriale ·

La foto di copertina è stata scattata durante una delle manifestazioni organizzate in Israele da Women Wage Peace, Donne fanno la pace. Al movimento aderiscono donne di tutte le etnie e religioni, laiche e religiose, di diversa appartenenza politica. Marciano, cantano, pregano insieme, ognuna secondo la propria tradizione e cultura. Con senso di responsabilità e voglia di cambiare hanno deciso di agire, unite dal desiderio di costruire una convivenza possibile. Inno delle loro marce è diventata la Preghiera delle madri, della cantautrice Yael Deckelbaum che la canta insieme a un gruppo di donne. Un inno di speranza. (youtu.be/YyFM-pWdqrY)

A lato del carro della Chiesa universale tirato dal grifone, che rappresenta Cristo, danzano quattro figure di donna, vestite di porpora. Sono le quattro virtù cardinali che ricompaiono nel paradiso terrestre, molto tempo dopo che Dante le ha viste brillare come stelle all’uscita dall’Inferno. Una di esse, che ha tre occhi, dirige la danza delle altre. È la Prudenza. Se la giustizia infatti è fondamento di ogni disposizione al bene e quindi di tutte le altre virtù, è in realtà la prudenza a regolarle tutte grazie al suo triplice sguardo: uno rivolto al passato, l’altro al presente e il terzo al futuro.

In linea con la saggezza dei greci, la prudenza è stata dunque da sempre considerata quella virtù che, facendo tesoro dell’esperienza passata, si rivolge ai problemi del presente e riflette sulle prospettive future. Ultimamente, però, si è svuotata di significato. Oggi è “prudente” chi è cauto, chi esita, chi non vuol osare o esporsi. Si fa largo inoltre la tendenza a giustificare quella “prudenza” egoistica che, simile all’ignavia, rinuncia al vero e al bene. Altra cosa è la prudenza come virtù, morale o intellettuale, che ci guida nel retto giudizio intorno a ciò che si deve operare. Come tale, la prudenza smaschera i falsi ragionamenti e le false verità, aiuta a compiere scelte dirette al bene personale e comune, ci ispira nella formazione dei giovani e ci sostiene nell’osare e nell’andare contro corrente in nome del bene e della verità.

Ma non è tutto. Come la giustizia anche la prudenza si spiritualizza e diventa, nella visione cristiana, non solo l’opposto della “prudenza secondo il mondo”, ma anche e soprattutto il compimento più alto della virtù umana razionale, perché illuminata dallo Spirito, in conformità a Cristo. Non per nulla la prudenza cristiana ritratta da Dante, è, come d’altronde anche le altre virtù, vestita di rosso. Ammantata di carità, si lascia guidare dalla Luce, o Sapienza, che sempre ci precede. La prudenza illuminata dallo Spirito diventa così coraggiosa voce profetica per il mondo, per le donne e per la Chiesa. Questione di prudenza, dunque, oltreché di giustizia?

Sulla necessità di conoscere, conoscersi, superare i conflitti nella società, nel matrimonio, nella famiglia e sul ruolo della donna ospitiamo un intervento del grande scrittore israeliano Abraham Yehoshua. Parla di sua moglie Rivka, del loro lungo matrimonio. Sostiene che la “rivoluzione femminista è la rivoluzione più importante della seconda metà del secolo XX”.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE