Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Querida Amazonia

· Presentata l’esortazione apostolica che raccoglie i frutti dell’assemblea speciale del Sinodo dei vescovi celebrata dal 6 al 27 ottobre dello scorso anno ·

È stata presentata nella mattina di mercoledì 12 febbraio l’esortazione apostolica di Papa Francesco Querida Amazonia, che raccoglie i frutti dell’assemblea speciale del Sinodo dei vescovi celebrato in Vaticano dal 6 al 27 ottobre dello scorso anno sul tema «Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per una ecologia integrale».

Illustrato durante un incontro con i giornalisti nella Sala stampa della Santa Sede — alla presenza, tra gli altri, dei cardinali Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, e Czerny, che dell’assise sinodale è stato segretario speciale — il testo è articolato in 111 paragrafi suddivisi in quattro capitoli, corrispondenti ai «quattro grandi sogni» che hanno ispirato il Pontefice dopo l’intenso «percorso di dialogo e di discernimento» sperimentato con il Sinodo.

Con il primo sogno, marcatamente «sociale», Francesco immagina «un’Amazzonia che lotti per i diritti dei più poveri, dei popoli originari, degli ultimi, dove la loro voce sia ascoltata e la loro dignità sia promossa». Con il secondo auspica «un’Amazzonia che difenda la ricchezza culturale che la distingue, dove risplende in forme tanto varie la ricchezza umana». Il terzo punta direttamente sull’aspetto «ecologico», invitando a valorizzare e a tutelare una regione che «custodisca gelosamente l’irresistibile bellezza naturale che l’adorna, la vita traboccante che riempie i suoi fiumi e le sue foreste». Il quarto infine si concentra sugli aspetti più squisitamente ecclesiali, esortando a promuovere «comunità cristiane capaci di impegnarsi e di incarnarsi in Amazzonia, fino al punto di donare alla Chiesa nuovi volti con tratti amazzonici».

Pur riguardando una realtà multinazionale ma circoscritta, il documento papale non ha un orizzonte delimitato; si indirizza piuttosto «al popolo di Dio e a tutte le persone di buona volontà», rivolgendo idealmente il suo sguardo alle urgenze e alle speranze della comunità cristiana e dell’intera umanità. Con un linguaggio intriso di lirismo e tuttavia radicato in una visione lucida e concreta della realtà, l’esortazione chiama in particolare la Chiesa a «incarnarsi in maniera originale in ciascun luogo del mondo» e la stimola a proporre vie sempre «più ampie e coraggiose» di evangelizzazione e di carità fraterna.

L'Esortazione Apostolica "Querida Amazonia"

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE