Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quello che i popoli asiatici amano ascoltare

Esce oggi nelle librerie Raccontare Gesù. Parola, comunione, missione del cardinale arcivescovo di Manila (Bologna, Emi, 2014, pagine 63, euro 6,90). Il volume raccoglie i testi di alcune catechesi. Pubblichiamo stralci dell’intervento, dal titolo «Raccontare Gesù nell’Asia di oggi», svolto dal porporato nel corso del primo Congresso missionario asiatico tenutosi nel 2006 a Chiang Mai, in Thailandia.

In Asia la narrazione della storia di Gesù risulta più efficace quando trabocca dall’esperienza di chi la racconta. Papa Paolo VI osserva, nella Evangelii nuntiandi, che l’uomo contemporaneo ascolta più volentieri i testimoni che i maestri. Questo è vero ovunque, ma soprattutto in Asia, dove le culture mettono particolarmente in risalto l’esperienza come mezzo di verifica della veridicità del testimone.

Ogni storia rivela un’identità personale, e ogni storia di fede in Gesù rivela anche l’identità del narratore in quanto credente. Un testimone che racconta la storia del suo incontro con Gesù non può né deve nascondere la propria identità di discepolo del Salvatore. Ma proprio come una rete di relazioni con la gente, con una cultura e con le varie correnti all’interno di una società forma una storia o un’identità personale, così anche la narrazione cristiana in Asia deve essere fatta in relazione con altri. L’identità e la storia cristiana in Asia sono sempre con, mai separate da quelle di altre culture e religioni. La storia di Gesù deve essere raccontata da cristiani asiatici che sono “con” e “tra” i poveri, attraverso le diverse culture e le varie religioni dell’Asia, che in parte determinano la loro identità e storia di asiatici.

La Chiesa in Asia, con il suo ricco patrimonio di narrazioni acquisito da famiglie, comunità, religioni e sapienze tradizionali asiatiche, può essere creativa nel raccontare la storia di Gesù. La testimonianza di una vita santa, etica e giusta è sempre e ancora la migliore storia di Gesù in Asia. Le vite dei santi e dei martiri, uomini e donne, mostrano come la storia di Gesù agisca nelle persone e nelle comunità. Gli uomini e le donne che hanno dedicato la loro vita al servizio del prossimo, come la beata Teresa di Calcutta, sono storie viventi che i popoli asiatici amano ascoltare. La difesa dei poveri, il lavoro per la giustizia, la promozione della vita, la cura degli infermi, l’educazione dei bambini e dei giovani, le opere di pace e riconciliazione, la riduzione del debito estero e la buona amministrazione del creato sono alcuni modi di raccontare nuovamente la storia di Gesù oggi in Asia. Ma la Chiesa deve anche essere pronta ad accettare le maniere sorprendenti in cui lo Spirito Santo racconta di nuovo la storia di Gesù.

di Luis Antonio G. Tagle

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE