Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Quell'eterno bacio a Times Square

· E' morto George Mendonsa, il marinaio della celebre foto scattata alla fine della seconda guerra mondiale ·

La foto scattata da Alfred Eisenstaedt il 14 agosto 1945 nota come «The kissing sailor»

Uno dei baci più celebri della storia del cinema, dell’epoca d’oro di Hollywood, è quello tra Cary Grant e Debora Kerr nel film Un amore splendido: i volti non sono inquadrati, e degli attori, posti su una scaletta della nave di crociera, si vedono solo le gambe. E tuttavia quel bacio, tenuto nascosto, risulta essere per gli spettatori ancora più intrigante e suggestivo. E il mistero del non visto, o del solo intuito, è parimenti il fiore all’occhiello della celeberrima foto scattata il 14 agosto 1945 a Times Square dal fotografo della rivista «Time» Alfred Eisenstaedt: i protagonisti dello scatto sono un marinaio e un’infermiera, colti in una posa agile e dinoccolata. I loro volti non sono ben visibili, e questo particolare è stato decisivo nel consacrare, nell’immaginario collettivo, il successo di quella foto. Ciascuno, in questo modo, si può identificare nei due teneri innamorati. Il marinaio era George Mendonsa, scomparso domenica 16 febbraio all’età di 95 anni. Eppure della vera identità del marinaio, immortalato in quella foto, non si è avuta mai una certezza assoluta. Tanto che il «New York Times», nel dare notizia del suo decesso, nel titolo dell’articolo usa l’espressione Most Likely the Sailor in a Famous Photo. La partner, Greta Zimmer Friedman, era scomparsa nel 2016. Per conoscere i loro nomi si era dovuto attendere il 2012, grazie alla pubblicazione del libro The Kissing Sailor: The Mistery Behind the Photo That Ended World War II. Eppure anche dopo la divulgazione del volume, qualcuno ancora sollevava riserve. Per dirimere la questione furono interpellati importanti antropologi forensi che analizzarono minuziosamente la foto mettendola a confronto con i tratti del volto di Mendonsa: la collatio fugò ogni dubbio. Una cosa comunque è certa: il vero protagonista di quella foto — riprodotta nel corso degli anni su innumerevoli poster e magliette — è il contesto. Era infatti appena finita la seconda guerra mondiale, e la gente, dopo aver sofferto tanto, si era riversata nelle strade di New York per festeggiare: e Times Square era stata presa d’assalto da una folla giubilante. Quel bacio, rubato dalla macchina fotografica, diventò subito la sintesi perfetta e il simbolo solenne della riconciliazione ritrovata, dell’alba di un nuovo amore dopo il tramonto dell’odio. Da mistero a mistero. La fanciulla baciata non sarebbe stata in realtà “l’innamorata” del marinaio, ma una ragazza che Mendonsa aveva incontrato a Times Square qualche secondo prima del bacio. «Quando vidi quella infermiera — spiegò in un’intervista il marinaio — mi venne spontaneo darle un bacio per esprimere la mia gratitudine a tutte le infermiere che durante la guerra si erano prese cura, anche patendo grandi sacrifici, dei soldati feriti».

di Gabriele Nicolò

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE