Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quella jeep a Palazzo Pitti

· Il mio primo incontro con i Monuments Men ·

Il mio primo incontro con i Monuments Men avvenne una quarantina di anni or sono e fu per merito di una jeep.

Deane Keller accanto alla «Primavera» di Botticelli nel deposito di Montegufoni (Yale University, Manuscripts & Archives)

Lo scrive Antonio Paolucci e aggiunge: avevo appena vinto il concorso di ispettore storico dell’arte presso la Soprintendenza di Firenze, ero in servizio da pochi giorni, quando vidi, nei magazzini di Palazzo Pitti, una jeep; una autentica jeep americana, residuato bellico evidentemente, mancante di parabrezza, la carrozzeria traballante, le gomme così consumate da apparire quasi invisibili. Il vecchio custode che mi accompagnava mi disse essere quella e lo disse con una specie di reverenza come quando si parla di una reliquia, la jeep del tenente Hartt. Aggiunse che era lì dal 1945. All’epoca di Frederick Hartt sapevo soltanto che era un apprezzato storico dell’arte americano e che insegnava da qualche parte negli Stati Uniti. Ma cosa c’entrasse un residuato bellico della seconda guerra mondiale con la storia dell’arte proprio non riuscivo a capirlo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE