Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quella donna
che ha un laccio nel nome

· Storia di Rebecca, la rosa ·

Pubblichiamo uno stralcio tratto dal libro della collaboratrice del nostro giornale intitolato Volti di fuoco (Verona, Gabrielli Editori, 2017, pagine 191, euro 15).

Nei capitoli dal 24 al 28 di Genesi si narra, in andamento solenne, il secondo ciclo patriarcale e la vicenda, di cui è protagonista Rebecca, che si può dividere in un dittico. Capitolo 24: il servo Eliezer (Aiuto di Dio) è un Shoshbin, l’amico dello sposo, colui che cerca la sposa per Isacco; capitoli 25-28: Rebecca ormai è madre.

Rebecca ed Eliezer al pozzo  (folio 7 recto della «Genesi» del VI secolo  conservata alla Österreichische Nationalbibliothek di Vienna)

Chi è Rebecca? Il nome significa laccio, corda per legare gli animali, trappola quindi che avvince con la bellezza. Rebecca nacque e crebbe fra persone poco raccomandabili, che non seguivano la Torah di Jhwh, e vivevano senza di Lui un’esistenza spesa senza conoscere il Suo timore. Fu questa sua esperienza che le fece decidere di accettare la proposta di Eliezer e di vivere una vita moralmente plasmata dai precetti di Jhwh. I Maestri d’Israele considerano Rebecca la rosa fra le spine perché queste ne sfregano i petali e così ne emanano la fragranza.
La vergine Rebecca ha la capacità di uscire da un ambiente di nascita che l’ha formata in modo negativo, di negarlo rivolgendosi invece a Jhwh, che sa illuminare il suo cammino di trasformazione e offrire gli aiuti precisi e necessari. Figlia e sorella di empi, abitante in un paese di empi, Rebecca, la Rosa, non si lasciò contaminare e non ne seguì l’esempio.
Si possono esplicitare le sfaccettature che compongono il Volto della Matriarca, la sua personalità e la loro incarnazione nei diversi momenti della sua vita, che vengono in aiuto per poterla comprendere e per poter illuminare il suo ruolo nella storia della salvezza: vergine ragazza libera; madre; tessitrice di imbrogli?; madre silenziosa. Queste sfaccettature, considerate una a una, paveseranno il sentiero che porta alla conoscenza e alla comprensione del Volto della donna Rebecca, la Rosa.

di Cristiana Dobner

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE