Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quel santo di Dostoevskij

· Nel romanzo di Jan Bokken ·

L’ultimo libro di Jan Bokken, Il giardino dei cosacchi (Milano, Iperborea, 2016, pagine 416, euro 18.50), è una via di mezzo fra il saggio biografico e il romanzo. Anche Anime baltiche era un’opera di difficile classificazione. Del resto è ormai un carattere della narrativa contemporanea la commistione di generi. Se non si sapesse tutto sui protagonisti reali, se non si conoscessero così bene, il libro si potrebbe leggere senz’altro come un romanzo, interessante e avvincente. Ma il fatto di sapere chi siano i protagonisti dà all’opera un valore aggiunto. 

Lo scrittore russo

Colui che narra la storia in prima persona è Alexander von Wrangel, giovane barone russo di origini baltiche la cui vita ha avuto vari momenti di incontro e comunione di esperienze con quello che è il vero protagonista della storia, Fëdor Dostoevskij.
Da bambino, Alexander ebbe un primo casuale incontro col romanziere russo, anch’egli ancora giovane, quando questi venne condannato a morte dallo zar e fu portato insieme ad altri compagni davanti al plotone di esecuzione e solo all’ultimo minuto arrivò il contrordine.
Sappiamo dallo stesso Alexander quello che provò Dostoevskij mentre aspettava la morte così come lui stesso ebbe a raccontarglielo: «Non può essere vero. Non può essere. Non può essere che io, in mezzo a tutte quelle migliaia che sono vivi, tra cinque o sei minuti non esisterò più».
A questo primo incontro segue la deportazione del grande romanziere in Siberia, dove il giovane Alexander viene nominato procuratore qualche tempo dopo. Due ruoli sociali opposti, ma due anime affini che presto si ritrovano: tra loro nasce una confidenza che aiuterà entrambi a trascorrere gli anni in un luogo così desolato.
Quello che è più interessante è conoscere — attraverso i racconti e i ricordi dell’amico — gli stati d’animo e la personalità di Dostoevskij. Si capisce meglio quando lo scrittore, così spesso nei suoi romanzi, parla della prigionia e della delinquenza, cose con cui è stato a contatto per otto lunghi anni. È il suo modo di scrivere. «Aveva bisogno di un punto di partenza vissuto per poi variarlo all’infinito».
Colui che ha ritratto con tanta veridicità i peggiori crimini dell’animo umano è invece, a detta di Alexander, «un santo». La sua bontà lo spinge sempre a darsi la colpa per giustificare gli altri. «In ogni caso era uno che cercava il torto in se stesso piuttosto che in un’autorità che tanto gli aveva avvelenato la vita». Finché è in prigionia non si dà mai per vinto, aspettando la grazia dal nuovo zar. «Non faceva che ripetersi che gli sarebbe potuta andare molto peggio e che non poteva lamentarsi... L’autocommiserazione è il modo più veloce per crollare mentalmente e fisicamente... è la variante lenta del suicidio».
Una volta fuori però è sempre e solo lui al centro dei suoi pensieri. A proposito Alexander ricorda, non senza un sorriso, il passo di una lettera in cui piange la morte di un caro amico. «Aveva l’emicrania, era stanco e per giunta, porca miseria, era morto Isaev. Per Fëdor le sciagure iniziavano sempre da se stesso».
Tutto il libro va avanti così, con piccole gemme sul carattere, sui pensieri, sui sentimenti di Dostoevskij, sull’amore per quella che poi sarebbe diventata sua moglie, sui suoi seri problemi economici, dovuti in buona parte ai debiti di gioco. «Sempre con debiti impossibili da estinguere. Sempre con il timore di finire in carcere per quei debiti. Non conosco pace, né giorno né notte, di giorno cammino avanti e indietro per le redazioni e di notte scrivo qualcosa. Su ordinazione. Con i minuti contati».
Due osservazioni vengono spontanee dopo la lettura del libro. La prima riguarda la lentezza della trasmissione dei messaggi in quegli anni in Siberia. Sembra scontato, ma quando si legge per la prima volta il racconto di Kafka Il messaggio dell’imperatore non ci si rende conto che quella meravigliosa metafora si basa su una situazione reale. Alexander spiega: «La notizia della morte di Nicola i ci raggiunse con quasi un mese di ritardo. All’inizio di marzo un aiutante di campo aveva cavalcato dieci giorni da Pietroburgo a Omsk per riferire l’accaduto. Da Omsk a Semipalatinsk ci volevano ancora diversi giorni. Il 12 marzo ci arrivò infine l’annuncio che l’imperatore era deceduto improvvisamente il 18 febbraio. In circostanze misteriose, ma questo venimmo a saperlo solo dopo un anno intero».

La seconda riguarda un conte vicino allo zar che cerca di ottenere clemenza per Dostoevskij e dice sorridendo «Mi sembrava meglio invocare clemenza per l’ex ufficiale del genio che per lo scrittore». Giustamente Alexander aggiunge: «Anche dopo il suo esilio lo scrittore metteva soggezione; lo scrittore aveva carattere e, come aveva scritto più volte Dostoevskij, nel xix secolo un individuo ha il dovere morale nei confronti della società di esser un tipo senza carattere». Ma vien fatto di chiedersi: «Solo nel XIX secolo?».

di Sabino Caronia 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE