Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

¡Que Dios me banque!
Se mi ha messo qui che ci pensi Lui

· Come parla Jorge Mario Bergoglio ·

Il termine bancar, scrive Jorge Milia, ha più di un significato per il porteño; è un’espressione che appartiene al gioco d’azzardo e che nel tempo, ha preso il significato di sostenere qualcuno, poi, per estensione, di reggere o sopportare una situazione complicata, difficile, di sofferenza. 

In pratica, o nella realtà dei fatti, chi ci “banca” è sempre, invariabilmente, qualcuno che conosciamo bene, un amico. Per questo Bergoglio ama dire: Si Dios me puso aquí, ¡que Dios me banque! (Se Dio mi ha messo qui, che se la veda lui adesso, che lui se ne faccia carico!). "Mi sono messo a ridere - continua Milia - non so se per l’espressione che aveva usato, quel “¡que Dios me banque!” o perché stavo pensando al momento in cui lo avrei scritto in Terre d’America. Poi, lungo il Cammino di Santiago che ho intrapreso dopo la visita a Roma, questa espressione mi è venuta in mente diverse volte, facendomi pensare ad un Dio che, nel mio caso, mi ha sopportato (bancado) tanto".

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2018

NOTIZIE CORRELATE