Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Sono stanche
le prime della classe

· È la Costa Rica l'unica vera sorpresa dei mondiali di calcio giunti ai quarti di finale ·

È andato tutto come previsto: sono rimaste in corsa le otto squadre che avevano vinto i rispettivi gironi di qualificazione. Le sorprese, quindi, sono quelle della settimana scorsa, o meglio, la sorpresa. La Costa Rica, infatti, può tranquillamente onorarsi già del titolo di squadra rivelazione di Brasile 2014 e non solo perché ha ottenuto con i quarti il miglior piazzamento della sua storia calcistica ma perché si è qualificata pur essendo considerata la cenerentola dell’unico girone che riuniva tre nazionali vincitrici di un mondiale: Italia, Inghilterra e Uruguay.

Ci aspettano ora quattro partite che prevedono già un percorso ben definito verso la finale. Costarica e Belgio proveranno da una parte a scardinare la più probabile semifinale Argentina-Olanda e dall’altra parte Colombia e Francia cercheranno di bloccare i pluridecorati Brasile e Germania.

Come stanno le pretendenti? Sono stanche. Per la seconda volta dopo il 1938 cinque partite sulle otto di questo turno sono finite dopo i tempi supplementari. La squadra che ha corso di meno (considerando i chilometri medi a partita) è la Colombia, che è l'unica ad aver vinto tutte le partite nei novanta minuti regolamentari. L’Olanda, miglior attacco e peggior difesa, incontrerà la Costa Rica, miglior difesa e peggior attacco: partita dal risultato per nulla scontato.

I numeri dicono molto, ma non tutto. Il Brasile grande favorito si troverà, infatti, di fronte un avversario complicato: l’emotività dei suoi ragazzi. E l'Argentina deve ancora capire se è Messi-dipendente e, in questo caso, quanto in alto il suo campione la può portare.

Pensandoci bene potrebbe anche accadere che una finale entri nella storia per i suoi tifosi speciali. Se Barack Obama si è fatto fotografare sull'Air Force One mentre seguiva Usa-Germania e il soccer ha spopolato nel Paese del baseball, del basket e del football, e se l’idea del tifo contrapposto di Papa Francesco e delle Guardie svizzere ha simpaticamente infiammato la vigilia di Argentina-Svizzera, forse la vera sorpresa potrebbe venire dai tifosi “speciali” della finale mondiale. Il tabellone potrebbe regalarci, infatti, un’Argentina-Germania che, con due tifosi d’eccezione come Francesco e Benedetto XVI, entrebbe di diritto nella storia del calcio.

Damiano Tommasi

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 giugno 2018

NOTIZIE CORRELATE