Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quando tutto crolla resta Dio

· Il cardinale Leonardo Sandri esprime la vicinanza di Papa Francesco ai fedeli armeni ·

«Vicinanza spirituale alla gioia dei fedeli armeni cattolici» è stata espressa da Papa Francesco in occasione della dedicazione della cattedrale dell’ordinariato per l’Europa orientale, nella città armena di Gyumri. 

Il messaggio del Pontefice è contenuto in un telegramma a firma del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, che è stato letto dal cardinale Leonardo Sandri, il quale ha presieduto giovedì 24 settembre la dedicazione della chiesa dei martiri. Concelebrante principale il patriarca di Cilicia degli armeni cattolici, Gregoire Pierre Ghabroyan.

Il Papa ha auspicato che la celebrazione «contribuisca a una rinnovata vitalità spirituale della comunità dell’ordinariato», guidata dall’arcivescovo Raphael François Minassian, «per una sempre più fedele adesione al Signore Gesù, un generoso impegno apostolico e un’autentica testimonianza di carità fraterna, sull’esempio dei santi martiri, a cui la cattedrale è dedicata».

Nell’omelia, il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali ha espresso anche la gratitudine della Santa Sede per «l’accoglienza garantita ad alcuni gruppi di profughi provenienti dalla Siria». Ai vescovi che rappresentavano il patriarca della Chiesa armena apostolica Karekin, ha chiesto di «portare l’abbraccio di pace», assicurando che la comunità cattolica «si unisce all’invocazione dello Spirito perché discenda a consacrare il Santo Myron», nella celebrazione che avrà luogo ad Etchmiadzin domenica 27 settembre.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE