Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quando
la terra geme

· ​Messaggio quaresimale del presidente dell’episcopato argentino ·

Papa Francesco chiede, in particolare nel tempo di Quaresima, che «ci radichiamo nella relazione con la creazione», e ci ricorda nell’enciclica Laudato si’ «che la nostra casa comune è anche come una sorella»: a sottolinearlo è il vescovo di San Isidro, Óscar Vicente Ojea, presidente della Conferenza episcopale argentina, in un messaggio diffuso a metà del percorso quaresimale.

«Come stiamo vivendo il cammino verso la Pasqua?», si chiede, avvertendo che «la terra geme e soffre i dolori del parto e lo fa per il maltrattamento da parte dell’uomo». Scrive ancora il presidente dell’episcopato argentino: «Quando noi contaminiamo l’acqua, tagliamo gli alberi, desertifichiamo i boschi, cercando solamente il profitto e soluzioni immediate ai problemi, la terra geme e grida». Ma quella relativa all’atteggiamento da assumere verso il creato non è l’unica conversione che ci è chiesta in tempo di Quaresima, dato che, come emerge dall’enciclica Laudato si’, «il povero e la terra gridano, per la loro esistenza e per poter completarsi a vicenda».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE