Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quando la pace è solo una parola

· Francesco denuncia il proliferare del commercio delle armi e la tragedia delle migrazioni forzate ·

«Parlare di pace, negoziare la pace e, al tempo stesso, promuovere o permettere il commercio di armi» è un’«assurda contraddizione». È la forte denuncia di Papa Francesco contenuta nel discorso rivolto stamane, giovedì 15 maggio a sette nuovi ambasciatori accreditati presso la Santa Sede. Svizzera, Liberia, Etiopia, Sudan, Giamaica, Sud Africa e India sono i Paesi di provenienza dei rappresentanti diplomatici, ai quali il Pontefice ha parlato della necessità di far crescere la pace nella famiglia umana. E ha individuato proprio nel commercio delle armi, una delle due grandi sfide «che è urgente affrontare per costruire un mondo più pacifico». Il Pontefice ha infatti evidenziato che mentre «tutti parlano di pace, tutti dichiarano di volerla», nel mondo purtroppo bisogna fare i conti con il «proliferare di armamenti di ogni genere» e il loro commercio, con la conseguenza che le soluzioni dei conflitti finiscono per allontanarsi. Anche perché tutto ciò «si sviluppa e si attua al di fuori della legalità». La seconda sfida è quella delle migrazioni forzate, che — ha fatto notare Francesco — «assume in certe regioni il carattere di vera e propria tragedia umana». In proposito ha spiegato che «non ci si può limitare a rincorrere le emergenze». E ha confidato come ci siano «sotto i nostri occhi», storie che «fanno piangere e vergognare: esseri umani, nostri fratelli e sorelle che subiscono ricatti, torture, soprusi di ogni genere, per finire a volte a morire nel deserto o in fondo al mare». Per questo, ha concluso il vescovo di Roma, «sarebbe un atteggiamento cinico proclamare i diritti umani e non farsi carico di uomini e donne costretti a lasciare la loro terra».

Il testo integrale del discorso del Papa 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE