Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quando il lavoro
è una condanna

· Almeno otto giovani donne rinchiuse in fabbrica a Manila muoiono in un incendio ·

Manila, 2. Almeno otto giovani operaie filippine — rinchiuse dal datore di lavoro in un piccolo dormitorio attiguo al capannone in cui lavoravano nelle ore diurne — sono morte ieri intossicate dal fumo di un incendio.

La tragedia ha avuto luogo in un sobborgo alla periferia della capitale, Manila. Nel piccolo dormitorio erano state chiuse a chiave non meno di sedici ragazze. Le sopravvissute hanno testimoniato agli investigatori di essersi salvate solo uscendo da una finestrella dalla stanza in cui si trovavano con le altre compagne, riuscendo poi a salire al secondo piano dell’edificio.

La polizia ha confermato che la porta d’ingresso era stata serrata dal proprietario della fabbrica, dato che le lavoratrici lavoravano in nero, sottopagate e in pessime condizioni igienico-sanitarie. Nel trambusto nell’oscurità dopo il rogo, le cui cause sono ancora in fase di accertamento, almeno otto operaie non sono riuscite a trovare una via di scampo. Le vittime, tutte tra i 19 e i 24 anni, immigrate nella capitale dalla campagna, sono state ritrovate abbracciate l’una all’altra nel dormitorio, adiacente il magazzino di materiale elettronico dove avevano trovato un lavoro precario e in condizioni rischiose per la salute. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE