Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quando i tifosi intonarono
She Loves You

· Il film di Ron Howard sui Beatles ·

Un minuto, forse qualcosa in più, con la telecamera che, nel bianco e nero un po’ sbiadito dal tempo, inquadra la folla per poi zoomare sui volti di quegli uomini — non si intravede neppure una donna — che cantano a squarciagola She Loves You: siamo allo stadio di Anfield e i tifosi del Liverpool festeggiano così la vittoria nel campionato 1964-1965. È forse la scena più suggestiva, probabilmente perché così lontana dalle caotiche e più note immagini della nascente beatlemania e perché quasi sconosciuta ai più, di The Beatles. Eight Days a Week — The Touring Years, film evento firmato dal registra premio Oscar Ron Howard, in uscita il 15 settembre in contemporanea in diversi Paesi per soli sette giorni.

Allo Shea Stadium di New York  (15 agosto del 1965)

I Beatles divennero in breve un fenomeno che non risparmiò nessuno, neppure i duri tifosi dei “reds”. John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr non s’interessavano al calcio, tuttavia erano comunque dei loro: erano di Liverpool, appartenevano alla working class. Ma soprattutto sfornavano canzoni bellissime, sonorità mai sentite prima, alle quali era difficile resistere.

Attingendo a immagini d’archivio ma anche — ed è questa la novità — a materiale inedito raccolto per un progetto del 2000 poi abbandonato, per il quale via web si chiese ai fan di tutto il mondo di tirare fuori dalle soffitte filmati super8 e foto scattate durante i tour dei Beatles, Howard ha realizzato un film documentario incentrato sulla prima parte della carriera dei Fab Four, quella dei tour che li portarono a conquistare il mondo.

Alla fine il risultato complessivo è un documentario piacevole, ricco di suggestive immagini e di belle canzoni. Un’opera in qualche modo didattica sulla band e su un’epoca. «Le nuove generazioni conoscono le favolose canzoni dei Beatles — dice infatti Howard — ma non hanno idea delle circostanze in cui sono nati i loro brani». Soprattutto a loro è dedicata la chicca finale, dopo i titoli di coda, che peraltro regalano un ampio spezzone dell’ultima esibizione pubblica della band il 30 gennaio 1969 sul tetto della sede della Apple Records al numero 3 di Savile Row a Londra: sono i trenta minuti completamente restaurati e remasterizzati, riproposti in formato 4k, dello storico concerto allo Shea Stadium di New York, il 15 agosto del 1965, in quello che fu il primo evento rock della storia, i Beatles di esibirono di fronte a 56.000 persone. Altri tempi, altra musica. Che però suona ancora favolosamente bene.

di Gaetano Vallini

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 febbraio 2018

NOTIZIE CORRELATE