Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quando gli antibiotici diventano inefficaci

· Sempre più diffuso il fenomeno della resistenza microbica ai farmaci ·

Un recentissimo lavoro pubblicato dalla rivista «Lancet Infectious Diseases» analizza a fondo il problema della resistenza agli antibiotici in Europa e lo fa prendendo in esame i dati forniti dall’European Antimicrobial Resistance Surveillance Network (Ears-Net) per l’anno 2015. L’originalità dello studio, che ha coinvolto anche ricercatori italiani, sta nel riportare i dati, come numero totale di casi di infezioni dovute a batteri antibiotico resistenti, a numero di morti che si possono attribuire a tali patogeni e, dato molto interessante, al numero di anni perso dalla popolazione per morte o disabilità grave causate da tali infezioni (disability-adjusted life-years o dalys).

Letti nella settimana che l’Organizzazione mondiale della sanità dedica alla consapevolezza rispetto al preoccupante fenomeno della resistenza microbica ai farmaci finora utilizzati, i dati aiutano a comprendere perché qualcuno ha definito il secolo scorso quello degli antibiotici e il presente quello della crescente inefficacia degli stessi.

Quasi 700.000 casi di infezioni da batteri resistenti e quindi molto difficili da curare, 33.110 decessi per la stessa causa e 874.541 anni persi globalmente per morte o disabilità grave in Europa. E tutto questo solo per il 2015. Per chi risiede in Italia il dato è ancora più allarmante: il paese è di gran lunga il primo per casi di resistenza agli antibiotici, anche davanti alla Grecia e con una situazione molto più grave di quella della Romania, del Portogallo o di Cipro solo per citare i paesi che seguono nella graduatoria. Sono coinvolti tutti i principali antibiotici utilizzati: cefalosporine di terza generazione, carbapenemi, vancomicina, penicilline. Le infezioni più difficili da trattare possono colpire qualsiasi organo, in particolare le vie respiratorie compresi i polmoni, le vie urinarie ma anche l’apparato gastroenterico, il sistema nervoso centrale o la cute. L’articolo sottolinea il peso enorme che i sistemi sanitari devono, e sempre più dovranno, sopportare in termini economici a causa di tutto questo.

Alcune riflessioni sono d’obbligo. L’argomento è spesso poco trattato dai mass media mentre sarebbe necessario rendere la popolazione cosciente che un uso indiscriminato, errato e ingiustificato degli antibiotici è la causa prima dell’insorgere di tali resistenze. Molti medici si ostinano a prescrivere un antibiotico, quasi sempre a largo spettro, anche in presenza di infezioni virali che non risponderanno mai alla molecola somministrata e spesso i dosaggi utilizzati, per timore o impreparazione professionale, sono inferiori a quelli corretti. Il malcostume di non procedere alle vaccinazioni necessarie per alcune malattie virali (morbillo e influenza, solo per citarne due) favorisce l’insorgenza di complicazioni batteriche potenzialmente resistenti soprattutto nelle categorie più fragili ed esposte, quella dei neonati e degli anziani. Infine, e questo riguarda nello specifico l’Italia, andrebbero colmati i colpevoli ritardi sia culturali che pratici che riguardano antibiotici e vaccini. A epidemia influenzale già iniziata molte regioni italiane sono state in netto ritardo nella consegna dei vaccini e molti medici di medicina generale possono iniziare solo in questi giorni, in ritardo, un’importante campagna vaccinale.

di Ferdinando Cancelli

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE