Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pulizia etnica contro i rohingya

· ​Denuncia dell’alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani ·

Profughi rohingya sbarcano in Bangladesh (Reuters)

Dopo settimane di violenze contro la minoranza etnica musulmana dei rohingya — con centinaia di morti, centinaia di migliaia di sfollati e polemiche sulla gestione della crisi da parte del premio Nobel per la pace, Aung San Suu Kyi — l’alto commissario dell’Onu per i diritti umani, Zeid Ràad Al Hussein, si è senza mezzi termini appellato al governo di Naypyidaw perchè ponga fine alle «crudeli operazioni militari, che appaiono come un chiaro esempio di pulizia etnica». «In Myanmar — ha aggiunto in un intervento a Ginevra — un’altra brutale operazione di sicurezza è in corso nello stato del Rakhine e questa volta, apparentemente, su una più ampia scala». L’operazione nel Rakhine, lo stato occidentale dove vivono i rohingya, avviata dall’esercito come reazione agli attacchi perpetrati il 25 agosto da miliziani dell’Arsa, gruppo guerrigliero in difesa della minoranza etnica, «è chiaramente sproporzionata e priva di rispetto dei principi fondamentali del diritto internazionale», ha sottolineato Zeid. È frattanto salito a 370,000 il numero dei rohingya che, in fuga dalle violenze nel Raghine, hanno trovato rifugio in Bangladesh, in condizioni, però, sempre più precarie. I campi profughi sono già da giorni al limite dell’accoglienza e molti rifugiati sono accampati lungo le strade. Nuove baraccopoli sorgono nei pressi dei campi de dell’Onu e in altre zone. Molti rohingya sono però bloccati in Myanmar, in quella che viene definita «la terra di nessuno», al confine col Bangladesh. E hanno bisogno di tutto. «In tanti anni, non abbiamo mai visto nulla di simile», afferma in una nota Medici senza frontiere in Bangladesh. «Le nostre squadre di operatori — si legge nel documento — vedono fiumi di persone che arrivano in condizioni terribili, traumatizzate e senza avere avuto accesso a cure mediche».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

11 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE