Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Prudenti astuti e semplici

Matteo 7, 21-29

Jean-Francois Millet «La roccia di Castel Vendon» (particolare, 1848)

La buona notizia che ci è consegnata in questa pagina del vangelo secondo Matteo è l’annuncio che il Signore costruisce la casa (cfr. Salmi 127, 1), l’annuncio che la sua potenza e l’efficacia della sua parola edificano la comunità e la vita di coloro che la accolgono, poiché hanno il potere di contrastare le energie di morte che a volte abitano sia i singoli cristiani che le comunità del Signore. Sì, chi accoglie le parole del Signore Gesù e le mette in pratica, chi in esse ha fede e le accoglie in una vita di conversione vedrà sprigionarsi nella propria esistenza energie di amore e di vita, capaci di vincere quelle che egli sperimenta come forze mortifere che lo abitano e che sono più forti di lui. Ma il Signore è il più forte del forte (cfr. Matteo 12, 29), è colui che può vincere la potenza del male che ci abita (cfr. Matteo 15, 19), è colui che con il suo Spirito può cambiare il nostro cuore di pietra in cuore di carne (cfr. Ezechiele 36, 25-26).

Ma la parola del Signore non è magica, poiché il Signore non vuole dominare gli uomini, ma essere a loro servizio, ed è per questo che anche la sua parola non porta frutto se non viene accolta, se cioè non trova acconsentimento da parte della libertà di chi la ascolta. Il Signore non desidera fare degli uomini dei burattini in suo potere, ma elevarli alla dignità di suoi partner in una relazione di comunione, di alleanza, poiché a sua immagine egli li ha fatti (cfr. Genesi 1, 26-27). Per questo l’accoglienza della parola del Signore ha bisogno di una fede che sia adesione con tutta la propria persona, anche con il proprio corpo, con la propria vita, con le proprie forze; in una parola: ha bisogno anche di essere accolta con un cammino di conversione, di ripudio degli idoli, cammino a cui la quaresima che stiamo vivendo ci invita in maniera assidua.

E anche questo itinerario ci è presentato da questa pagina di vangelo non come un dovere ma come una «furbizia», una forma di sapienza, un essere scaltri, «prudenti» (cfr. v. 24), un modo di sapere dove sta la via della vita e intraprenderla, abbandonando le vie mortifere in cui potevamo essere incorsi. Molte volte Gesù nei vangeli ritorna su questo concetto: la vita cristiana è una vita che invita alla furbizia, si tratta di essere scaltri, intelligenti, imboccando e percorrendo la via della vita, poiché per questo Gesù confessa di essere venuto (cfr. Giovanni 10, 10). Allora, si tratterà per i discepoli di essere prudenti, astuti come i serpenti, e allo stesso tempo semplici come le colombe (cfr. Matteo 10, 16), si tratterà di usare dei beni di questo mondo in modo tale che ci conducano alla vita e non alla rovina (cfr. Luca 16, 8-9), si tratterà di imparare a vivere questo tempo di attesa della venuta gloriosa del Signore in modo da non lasciarci trovare impreparati alla sua venuta (cfr. Matteo 25, 1-13). E il segno della fedeltà di un discepolo e di una comunità cristiana è la sua perseveranza nell’amore, nella carità (cfr. Matteo 24, 12).

Nicholas Roerich, «Rond rocks» (particolare, 1911)

Questo è il frutto da cui si conosce l’albero (cfr. Matteo 7, 15-20; 12, 33-37), e non una religiosità apparente, magari ammantata di devozione («Signore, Signore!», v. 22). No, non sono né le apparenti confessioni di fede né i miracoli, ci dice Gesù, che possono autenticare la vita di un vero discepolo (cfr. v. 22), poiché nel giorno del giudizio vi saranno magari molti che in vita hanno compiuto molti miracoli nel nome del Signore, ma a cui egli dirà: «Non vi ho mai conosciuti» (cfr. vv. 22-23). Non dobbiamo dare nessun credito a forme di religiosità fatte sia di tante parole (cfr. Matteo 6, 7-8) sia della ricerca di grandi segni (cfr. Matteo 16, 1-4), poiché la venuta del regno di Dio avviene nella debolezza del Crocifisso (cfr. Matteo 12, 38-40) e nell’ascolto obbediente, in quello che Giovanni chiama un “rimanere”, un abitare, un dimorare senza lasciarsi smuovere, nella sua Parola (cfr. Giovanni 8, 31: «Se rimanete nella mia parola siete veramente miei discepoli».

Sta a noi accogliere o rifiutare questo lieto annuncio.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE