Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Protezione internazionale per i rifugiati

· Intervento della Santa Sede a Ginevra ·

Pubblichiamo in una nostra traduzione l’intervento pronunciato il 26 giugno dall’Arcivescovo Silvano M. Tomasi, Osservatore Permanente della Santa Sede presso l’Ufficio delle Nazioni Unite e delle Istituzioni Internazionali a Ginevra, durante il cinquantasettesimo incontro del Comitato Permanente dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR)

Signora Presidente,

Ancora una volta, la violenza sta causando la dislocazione forzata di centinaia di migliaia di persone. La Delegazione della Stata Sede nota con dispiacere che negli ultimi dodici mesi il numero di persone delle quali l’ACNUR si prende cura nel mondo è aumentato. Quasi sempre, questo aumento è dovuto al protrarsi di conflitti armati, mentre, al presente, gli Stati coinvolti, le strutture regionali e la comunità internazionale nel suo insieme mancano della volontà politica di dialogare e trovare soluzioni politiche pacifiche. Gli armamenti non aiuteranno a equilibrare l’influenza dei gruppi in conflitto e serviranno solo a uccidere più civili e a sradicare più famiglie. Questa tragica testimonianza conferma ancora una volta che con la guerra si perde tutto, mentre con la pace c’è tutto da guadagnare.

Signora Presidente, la mia Delegazione si rallegra che, in questo momento di maggiore dislocazione delle persone, l’Alto Commissariato abbia avviato sforzi per analizzare il ruolo delle comunità confessionali nella protezione. Il Dialogo, dell’Alto Commissariato, sulla fede e sulla protezione, lo scorso dicembre, è stato la positiva espressione della convergenza delle persone di fede sul dare priorità alla compassione, alla solidarietà e al dialogo rispettoso, quale metodo adeguato per rispondere alla piaga dei rifugiati.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE