Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Protezione, giustizia e lavoro per la gente del mare

· Benedetto XVI ai partecipanti al congresso mondiale sull’apostolato per i marittimi ·

Un popolo vulnerabile, esposto non solo a minacce criminali, ma costretto a subire pesanti restrizioni alla propria libertà personale,  ad affrontare situazioni di gravi ingiustizie e a doversi confrontare con i morsi di una crisi che si rivela di incalcolabili proporzioni. Il Papa parla della gente del mare e, rivolgendosi ai partecipanti al congresso mondiale dell’apostolato tra i marittimi,  esprime la sua preoccupazione per questo mondo complesso e variegato: milioni di persone coinvolte in un peregrinare continuo e tantissime famiglie che più di altre «devono fronteggiare le difficoltà del presente» e vivere «l’incertezza del futuro». Per questo raccomanda di dare seguito alle indicazioni scaturite dallo scambio di esperienze che ha caratterizzato i giorni del congresso appena concluso, testimoniando sul campo la vicinanza della Chiesa.

È il senso del discorso rivolto venerdì mattina, 13 novembre, nell’udienza concessa agli oltre quattrocento operatori dell’apostolato del mare, in rappresentanza di sessantanove Paesi del mondo, riuniti in questi giorni a Roma dal Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, per riflettere sul tema della nuova evangelizzazione nel mondo marittimo.

Benedetto XVI    ricorda l’importanza del mondo del mare e i suoi significativi risvolti per la diffusione del Vangelo: «Sin dagli albori del cristianesimo — dice — il mondo marittimo è stato veicolo efficace di evangelizzazione». E lo è ancora oggi, perchè la Chiesa continua «a solcare i mari» per portare l’annuncio della buona Novella in ogni angolo della terra. Lo fa anche   e soprattutto grazie a quanti si occupano dell’assistenza pastorale alla gente del mare. È a loro che il Papa si rivolge e raccomanda di farsi vicini a quanti  vivono nel e del mare, di condividere con loro disagi e sofferenze, di mostrare il volto di Cristo e quello «premuroso della Chiesa che accoglie». Un  pensiero particolare il Papa riserva poi alle famiglie dei marittimi e chiede di trasformare cappelle e punti di accoglienza allestiti nei diversi porti del mondo in luoghi dove sia possibile per loro «colmare le profonde nostalgie dell’anima» e scoprirsi comunità viva.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE