Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Protagonisti dell’evangelizzazione

· Udienza ai vescovi della Nuova Zelanda e del Pacifico in visita «ad limina Apostolorum» ·

Unione tra le rispettive Chiese locali, e tra queste e il Papa; attenzione e sostegno per i sacerdoti; maggiore discernimento nei confronti dei seminaristi; cura particolare per i laici impegnati. Sono le raccomandazioni rivolte da Benedetto XVI ai vescovi delle Conferenze episcopali della Nuova Zelanda e del Pacifico, ricevuti in udienza sabato mattina, 17 dicembre, in occasione della visita ad limina Apostolorum .

Il Papa si è riferito alla sfida della secolarizzazione che attraversa profondamente la società di questa vasta area del Pacifico. Una realtà che, come ha notato Benedetto XVI, ha un impatto importante sulla comprensione e sulla pratica della fede cattolica. Ciò è reso particolarmente visibile nel carente approccio alla natura sacra del matrimonio cristiano e alla stabilità della famiglia. In tale contesto «la lotta per condurre una vita degna della nostra vocazione battesimale e per astenersi dalle passioni terrene che fanno guerra all’anima» diviene sempre più impegnativa.

Soffermandosi poi sulla nuova evangelizzazione, il Pontefice ha ribadito che non si tratta di un concetto astratto: al contrario, è «un rinnovamento di una autentica vita cristiana basata sugli insegnamenti della Chiesa». Compito specifico dei vescovi, in quanto pastori, e quello di essere protagonisti nel formulare «questa risposta secondo le esigenze e le circostanze locali» nei vari Paesi e tra le diverse popolazioni.

Benedetto XVI ha poi raccomandato ai presuli una particolare vicinanza ai propri sacerdoti, chiamati a vivere in un periodo di profonde trasformazioni e di forti tensioni. «Siate padri che li guidano lungo il cammino verso la santità — ha raccomandato — cosicché la loro vita possa attrarre altri nella sequela di Cristo». Il pensiero del Papa si è rivolto in particolare ai seminaristi, i quali hanno bisogno di una buona formazione perché siano preparati «a servire il Signore e ad amare il suo gregge secondo il cuore del Buon Pastore».

Infine il Pontefice ha raccomandato una cura speciale per i laici impegnati, affinché — ha detto ai vescovi — il loro «zelo per la fede, grazie alla vostra guida e al vostro sostegno costanti», possa effettivamente recare «frutti abbondanti nella vigna del Signore». In conclusione un incoraggiamento ai presuli perché preparino adeguatamente i fedeli alla celebrazione dell’Anno della fede, che si aprirà l’11 ottobre 2012.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE