Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Proposte per l’Europa entro giugno

· Macron e Merkel studiano un’agenda di riforme su economia, migrazioni e difesa ·

 Germania e Francia si sono impegnati a mettere a punto entro giugno una agenda in vista di una riforma della zona euro. È questo il principale risultato della visita ieri a Parigi del cancelliere tedesco Angela Merkel al presidente francese Emmanuel Macron, dopo l’avvio formale del suo quarto mandato da cancelliere. «È indispensabile assicurare nuova ambizione per l’Europa», ha affermato Macron insieme con Merkel, che ha sottolineato: «Servono risultati entro tre mesi».

Angela Merkel  ricevuta all’Eliseo da Emmanuel Macron (Afp)

«Il lavoro che ci aspetta è importante in un contesto europeo profondamente scosso dopo la Brexit e profondamente scosso dopo le elezioni italiane che hanno visto imporsi posizioni estremiste», ha spiegato Macron. La via d'uscita dalle turbolenze che continuano ad attraversare il vecchio continente, per il capo dell’Eliseo, possono essere solo alcune necessarie riforme per dare più forza all’Ue: il rafforzamento dell’eurozona deve essere la prima per rilanciare l’economia, ma poi ci sono alcuni temi chiave come l’immigrazione e la difesa per «sposare meglio responsabilità e solidarietà». Macron ha ribadito che Berlino ha finalmente un governo, che la Francia ha ritrovato la forza per agire con incisività e che, dunque, «non c’è più tempo da perdere». Per molti anni, «l’Europa ha atteso che la coppia franco-tedesca andasse avanti e facesse proposte con la forza che hanno trovato in ogni momento cruciale della storia dell’Europa. Ora siamo pronti a farlo», ha assicurato. «Germania e Francia devono fare da guida dando l’esempio», ha affermato Merkel chiarendo altri temi: «Vogliamo raggiungere un accordo su questioni che comprendono la stabilizzazione permanente e sostenibile dell’Euro, garanzie per la competitività e un piano congiunto sull’asilo». In tema di migrazione, Francia e Germania hanno ribadito di volersi impegnare per finalizzare la riforma degli accordi di Dublino, ovvero le attuali regole per i richiedenti asilo, e riproporre un meccanismo di solidarietà per la ripartizione dei rifugiati. Merkel ha sottolineato: «Saremo imbattibili come europei se non ci lasciamo dividere nelle nostre relazioni», ha affermato, sottolineando «la necessità di proteggere le frontiere esterne e avere una strategia comune per l’Africa».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2018

NOTIZIE CORRELATE