Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Promemoria necessario

· Una guida per visitare Auschwitz ·

Giovani radunati per l’annuale marcia dei viventi ad Auschwitz (2016)

Un libro prezioso, questo di Carlo Saletti e Frediano Sessi (Auschwitz. Guida alla visita all’ex campo di concentramento e del sito memoriale, Venezia, Marsilio, 2016, pagine 161, euro 15), l’uno storico e regista teatrale, l’altro storico della Shoah, che sotto l’apparenza di una semplice guida si rivela un testo ricchissimo non solo di informazioni e mappe, ma anche di suggestioni, spunti interpretativi, analisi di eventi poco conosciuti, critica di preconcetti e generalizzazioni. Insomma, meno di duecento pagine in cui è contenuto, esposto con assoluto rigore e altrettanta chiarezza, tutto quello che è importante sapere su Auschwitz e in genere sui meccanismi della Shoah. Un libro prezioso non solo per i visitatori del campo, in particolare gli studenti delle scuole, ma anche per chi, senza andare nel campo, vuole chiarirsi le idee sulla sua storia, sulla sua organizzazione e sul percorso che ci ha portato a considerare la città concentrazionaria di Auschwitz come il paradigma del Male assoluto, il simbolo stesso della Shoah. Un libro che dovrebbe essere letto nelle scuole, e non solo per preparare studenti e professori ai viaggi della memoria, ma per spiegare la Shoah, tema su cui, nonostante l’enorme mole di libri scritti sul tema, la conoscenza resta lacunosa e generica non solo da parte degli studenti ma anche sovente da parte di chi avrebbe il compito di insegnare.

di Anna Foa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE